405 CONDIVISIONI

“Scuole chiuse per allerta meteo, servono regole certe. Noi sindaci insultati e minacciati ogni giorno”

Luca Capasso, sindaco di Ottaviano, ha chiesto a Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania, di stabilire regole certe sulla chiusura delle scuole.
Entra nel nuovo canale WhatsApp di Napoli Fanpage.it
Intervista a Luca Capasso
Sindaco di Ottaviano (Napoli).
A cura di Federica Grieco
405 CONDIVISIONI
Immagine

Con l'arrivo dei mesi invernali e i primi temporali, sono ritornate anche le allerte meteo diramate dalla protezione civile. Ogni volta che ne viene annunciata una o che c'è una proroga, si apre il totoscommesse sulla chiusura degli istituti scolastici da parte di alunni, genitori ed insegnanti. Un incubo per i sindaci che, subissati da messaggi, chiamate e richieste di chiarimento da parte della cittadinanza, devono decidere se mandare i ragazzi a scuola o sospendere le lezioni.

Una scelta non semplice, perché, al di là della goliardia e dei meme che circolano sui social, i primi cittadini devono farsi carico di far proseguire le attività scolastiche col rischio che poi possa verificarsi qualche incidente o di scegliere di chiudere gli istituti, facendo perdere agli alunni ore preziose di lezioni in presenza dopo mesi di didattica a distanza. Luca Capasso, sindaco di Ottaviano, in provincia di Napoli e presidente della Comunità del Parco Vesuvio, ha chiesto a Vincenzo De Luca, presidente della Regione Campania di fissare, assieme alla Protezione civile, regole certe sulla chiusura delle scuole e di altre strutture pubbliche in caso di allerta meteo arancione o di demandare questa responsabilità alla Protezione civile.

Sindaco, cosa chiede al presidente De Luca?

Chiediamo alla Regione Campania e alla Protezione civile regionale regole certe per stabilire la chiusura delle scuola. Non è che puoi annunciare l'allerta arancione arrivederci e grazie. O, in alternativa, deve essere la Protezione civile regionale a decidere se chiudere le scuole, i parchi, i cimiteri. Quindi quest’attività va fatta dalla Regione Campania e dalla Protezione civile senza demandare ai sindaci la responsabilità, perché all’interno della sala operativa della Regione Campania esistono figure specializzate, quali geologi, architetti, ingegneri. E poi mi faccia dire un'altra cosa…

Prego…

Un sindaco non ha questa lungimiranza o fa il Giuliacci (il colonnello Mario Giuliacci, meteorologo, ndr) della situazione che sa precisamente quanta pioggia cade. È vero che noi sappiamo se ci sono o meno problemi idrogeologici, però resta il fatto che sa cosa può succedere? Che se sta piovendo a dirotto e un bambino si fa male fuori alla scuola, domani mattina il sindaco è responsabile, penalmente anche. Poi tra l’altro non c’è mai una regia univoca: c’è un sindaco che chiude, l'altro no.

Gaetano Cimmino, sindaco di Castellammare di Stabia, ha raccontato proprio a noi di Fanpage.it che riceve numerosi insulti quando non chiude le scuole. È accaduto anche a lei?

I sindaci che non chiudono vengono impallinati dalla fetta di ragazzi che, a volte anche scostumati, chiedono: «Ma perché lui chiude e tu no? Se io muoio me la prendo con te». Ho ricevuto insulti e anche alcune minacce di morte, tipo «Sindaco devi morire se non chiudi le scuole»: cose assurde che non voglio ripetere. È una cosa che accade a tutti i sindaci. Dall'altro lato ci sono i genitori che se la prendono quando vengono chiuse le scuola e mi dicono: «Sindaco domani i bambini li porto a casa vostra, perché non so dove portarli». Possiamo mai vivere così? Per carità ognuno si prende le sue responsabilità, se uno fa il sindaco è perché ha scelto di farlo non perché glielo hanno imposto, però deve esserci un criterio omogeneo: capita, ad esempio, che nella stessa area vesuviana ci siano due sindaci che decidono di chiudere e cinque no.

In definitiva, lei domani con l'allerta meteo chiuderà le scuole?

No. La prossima volta se non arriva una allerta rossa non decido nulla.

405 CONDIVISIONI
Com'è riuscito Marco Nonno a diventare coordinatore di Fratelli d'Italia a Napoli
Com'è riuscito Marco Nonno a diventare coordinatore di Fratelli d'Italia a Napoli
"Castello delle Cerimonie", la sindaca Abagnale su confisca della Sonrisa: "Verdetto inatteso, lo rispetteremo"
"Castello delle Cerimonie", la sindaca Abagnale su confisca della Sonrisa: "Verdetto inatteso, lo rispetteremo"
Vittorio Emanuele di Savoia, addio all'ultimo Principe di Napoli. Nel 2003 tornò in città dopo l'esilio
Vittorio Emanuele di Savoia, addio all'ultimo Principe di Napoli. Nel 2003 tornò in città dopo l'esilio
Bimbo di 4 anni muore dopo un malore: aperta inchiesta. Lutto cittadino a Mugnano
Bimbo di 4 anni muore dopo un malore: aperta inchiesta. Lutto cittadino a Mugnano
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views