78 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito

Rapine ai locali e bar dell’imprenditore anti-camorra di Napoli Est: preso il presunto responsabile

Fermato un 28enne napoletano. È indagato per la rapina del 5 febbraio. Si indaga per altri raid commessi contro i locali dell’imprenditore.
A cura di Pierluigi Frattasi
78 CONDIVISIONI
Immagine

Preso il presunto responsabile delle rapine ai locali e bar dell'imprenditore anti-criminalità Gianni Forte. Negli scorsi giorni, il manager di Napoli Est aveva lanciato un appello alle istituzioni, dopo aver subito ripetutamente tre raid ai danni dei suoi negozi. Sconfortato dopo la quarta rapina ad un suo centro scommesse, si era alla fine arreso, annunciando che avrebbe lasciato il quartiere. Ma le indagini della Polizia di Stato, condotte dalla Squadra Mobile e dal commissariato di San Giovanni Barra e coordinate dalla Procura della Repubblica di Napoli – sezione "sicurezza urbana", procuratore aggiunto Pierpaolo Filippelli – portate avanti in tempi record, sembra siano riuscite a identificare il presunto responsabile.

La Polizia di Stato ha individuato il presunto rapinatore

Si tratta di un 28enne napoletano. Nei suoi confronti la Polizia di Stato ha notificato un fermo, già convalidato dal giudice. L'uomo è sospettato di essere stato l'autore della rapina e della tentata rapina entrambe commesse lo scorso 5 febbraio ai danni di due centri scommesse dell'imprenditore napoletano Gianni Forte. Nei confronti dell'indagato, risultato con precedenti specifici, il gip ha disposto la misura cautelare del carcere. Sulla rapina subita da una delle due agenzie, il 10 febbraio, sono in corso indagini.

Proseguono le indagini sulle altre rapine

Anche un'altra agenzia di scommesse-bar di Gianni Forte, ha subito una rapina, il 19 settembre 2023 e proprio davanti a questo esercizio commerciale lo scorso 18 gennaio si è tenuta la manifestazione di sensibilizzazione "Caffè per la legalità". Ad occuparsi delle azioni predatorie subite da Forte sono stati la Squadra Mobile della Questura di Napoli e il commissariato San Giovanni-Barra, che hanno passato al setaccio le immagini dei sistemi di videosorveglianza della zona, individuando così il 28enne.

78 CONDIVISIONI
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views