Centri vaccinali chiusi dopo l’estate, le vaccinazioni per le eventuali terze dosi da novembre si potrebbero fare dai medici di famiglia e in farmacia. È questo uno degli scenari valutati dall’Asl Napoli 1 Centro per il prosieguo della campagna vaccinale nei prossimi mesi. Gli hub vaccinali a Napoli proseguiranno a pieno ritmo le loro vaccinazioni contro il Covid19 fino a fine luglio, poi il ritmo potrebbe calare ad agosto. Solo uno scenario, è bene precisare: per l’Unità di Crisi della Campania, infatti, ad oggi, è prematuro parlare di possibili chiusure degli hub vaccinali.

Terza dose Covid a Napoli dal medico o in farmacia: l'ipotesi

Attualmente a Napoli ci sono cinque grandi centri vaccinali dell'Asl: la Mostra d'Oltremare, l'hangar Atitech a Capodichino, la Stazione Marittima, la Fagianeria di Capodimonte e il Museo Madre. Un eventuale richiamo con la terza dose del vaccino anti-Covid19, potrebbe avvenire a cominciare da personale medico, infermieristico e over 80 a partire dal prossimo novembre. Le prime vaccinazioni in Campania infatti sono avvenute il 27 dicembre scorso – tra i primi a vaccinarsi anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca, per dare l’esempio – e sono entrate poi nel vivo la prima settimana di gennaio. L’immunizzazione, però, non è permanente, e potrebbe essere necessario un richiamo con una terza dose nei prossimi mesi.

Entro il 10 agosto finiti i richiami Astrazeneca

L’Asl Napoli 1 conta di vaccinare tutta la città entro luglio, soprattutto attraverso l’Open Day, almeno con la prima dose. Ad agosto la somministrazione andrà avanti con le seconde dosi. Entro il 10 agosto dovrebbero essere ultimate le vaccinazioni con seconde dosi con Astrazeneca. Potrebbero quindi essere anticipati i richiami previsti per la settimana di Ferragosto. I centri vaccinali potrebbero rimanere aperti, ma con un ritmo più basso, anche in previsione delle ferie del personale che in questi mesi ha fatto turni di lavoro molto rigidi.