937 CONDIVISIONI
Opinioni
21 Giugno 2022
18:30

Orologi di lusso a Napoli: bisogna rassegnarsi e non usarli più?

Ogni volta che un orologio costoso sparisce dal polso di qualcuno a Napoli la città si divide: c’è chi si mortifica e basta e chi invece sostiene che doveva pensarci prima.
937 CONDIVISIONI

È una domanda "in vigore" dai tempi di Mimì dei cani, lo storico ex ricettatore di Rolex dei Quartieri Spagnoli: gli orologi di lusso, i Rolex, i Patek Philippe, i Cartier, a Napoli hanno cittadinanza o no? La risposta non è così semplice, tant'è che il quesito resiste negli anni ed è riproposto ad ogni scippo eccellente (attore, calciatore, imprenditore o vip) avvenuto all'ombra del Vesuvio.

Ogni qual volta si verifica un caso del genere la città si divide. C'è chi ha vergogna dell'accaduto, si mortifica e magari chiede scusa allo scippato-rapinato di turno sostenendo che «Napoli non è questa», o meglio che non è «solo questa» dei delinquenti pronti ad assaltare l'ultimo arrivato.

Parimenti vi è chi sostiene invece, molto freddamente, che è inevitabile un rischio del genere e che girare per le strade della città con un orologio costoso equivale a fare di se stessi un bersaglio. Dunque che un po' uno "se la cerca".

Dov'è la verità? Dove il punto d'incontro fra due opinioni così diverse? Qualche anno fa molti napoletani si offesero perché i portieri di alcuni alberghi famosi o alcune compagnie di viaggio o navi da crociera suggerivano ai clienti stranieri in arrivo da queste parti di posare l'orologio in stanza e addirittura gli fornivano un "orologio di cortesia" da poche lire. Cosa fare, dunque? C'è da offendersi per l'atto preventivo di tutela o da mortificarsi per l'avvenuto (a dir di qualcuno inevitabile) fattaccio?

937 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
"Così le bande napoletane rubano gli orologi di lusso in Spagna": l'inchiesta della tv iberica
Daniel Auteuil scippato dell'orologio da 39mila euro a Napoli, il Comune gliene regala uno di plastica
Daniel Auteuil scippato dell'orologio da 39mila euro a Napoli, il Comune gliene regala uno di plastica
Napoli, contro i rapina-Rolex riecco l'orologio di cortesia in plastica: la proposta delle agenzie di viaggi
Napoli, contro i rapina-Rolex riecco l'orologio di cortesia in plastica: la proposta delle agenzie di viaggi
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni