137 CONDIVISIONI
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

Qual è la migliore pizza di Napoli?

Qual è la pizza migliore di Napoli? Questa non è una domanda: è un argomento per interminabili discussioni sul piatto più noto al mondo e nato all’ombra del Vesuvio. Napoli non è Milano, non è Roma, non è New York: qui la pizza è un culto e chi non è in grado di farla fallisce nel giro di pochi anni, la concorrenza è spietata. Ecco una piccola e non esaustiva guida alle migliori pizzerie di Napoli.
A cura di Ciro Pellegrino
137 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
L'arte del pizzaiuolo napoletano patrimonio UNESCO

Di solito durante la festa della pizza (anzi, del pizzaiuolo) il 17 gennaio, la domanda principale che ci si pone è quella che arrovella ogni napoletano. Una domanda atavica, diventata perfino uno strepitoso sketch comico di Alessandro Siani: «Dove si mangia la pizza migliore di Napoli?». «Fatte ‘na pizza c’a pummarola ‘ncoppa / vedrai che il mondo poi ti sorriderà», cantava Pino Daniele ed è vero: il disco di pasta più famoso al mondo è capace di aggiustarti una giornata. Ma se ha così tanto potere, può anche inguaiartela, una giornata. Se mangiare una pizza a Napoli è una delle 10 cose da fare approdando all'ombra del Vesuvio è anche vero che bisogna scegliersela bene. La pizza ha mille varianti ed è come gli uomini: non tutti sono fatti della stessa pasta. Lievito madre, farina integrale o farina 00, mozzarella di bufala, fior di latte, ricotta, pomodoro filetto o passata di pomodoro e mille altri ingredienti, dal prosciutto al salame fino al mais e all'ananas: qual è  dunque la pizzeria che offre la migliore pizza di Napoli?

La varietà è notevole: stando ai dati approssimati per difetto – perché ci sono tantissime strutture che pizzerie non sono ma sono ristoranti o punti ristoro che hanno un forno e la producono, a Napoli e provincia ci sono poco meno  di 3.500 pizzerie.  Ad Avellino circa 780, Benevento poco meno di 600, a Caserta e provincia circa mille e a Salerno e provincia ci sono oltre 2.500 pizzerie. Scegliere non è facile. A Napoli i grandi nomi li conoscono tutti, sono per lo più nella zona dei Decumani, via Tribunali, ma non solo: Sorbillo, Di Matteo, La pizzeria del Presidente e poi la Figlia del Presidente. Ci sono le pizzerie Vesi, c'è Donna Sofia, la Locanda del Grifo, Totò e Peppino l'Oro di Napoli.

Ma decidere qual è la miglior pizza di Napoli richiede una vita di prove e controprove: chi è mai stato da Carmine in via Cilea o chi è mai stato da Giuliano a Calata Trinità Maggiore? Chi si è fatto mai portare una pizza d'asporto da D'Auria in via Simone Martini o si è seduto da Gorizia e chi invece ha assaggiato Marino a Santa Lucia, dove un tempo s'attovagliavano Eduardo e Peppino De Filippo? Ci sono poi La Notizia in via Michelangelo da Caravaggio, la grande innovazione di Vincenzo Capuano a piazza Vittoria, c'è Ciro Salvo con la sua 50 Kalò, il giovane Ciro Oliva di Concettina ai Tre Santi al Rione Sanità. E ancora: Pizzeria Da Attilio alla Pignasecca, Starita di Materdei, Michele a Forcella o Pellone in piazza Nazionale, Da Franco al Corso Arnaldo Lucci  o infine da Carmnella? Carminiello, i Maestri Pizzaioli, o Gennaro, se si va a Secondigliano?

Da Diego Vitagliano a Bagnoli? Chiedere una pizzeria significa entrare in un atelier e chiedere il miglior vestito in assoluto.  C'è chi è specializzato nella pizza fritta come la Masardona o come Zia Esterina Sorbillo o le Figliole a Forcella e Isabella De Cham alla Sanità. C'è chi è adatto ai ripieni e chi invece alla marinara semplice semplice. Chi fa una superba margherita dop e chi invece propone rivisitazioni gourmet (e se le fa pagare anche care e amare). Anche il prezzo conta: una pizza che costa 12, 13 euro dev'essere davvero qualcosa di speciale altrimenti è pura speculazione: qui non siamo a Milano dove se una cosa non costa tanto non è buona o a Roma dove non sanno cucinare che la carbonara. Le classifiche per giudicare la migliore pizza? Sono una mezza fregatura, fidatevi relativamente: il miglior giudice è il palato.

Si citano cento pizzerie, se ne tralasciano duecento. In provincia di Napoli ci sono autentici capolavori dell'arte della pizza. Le Parùle ad Ercolano; Voglia di Pizza a San Giuseppe Vesuviano, Totò e i Sapori ad Acerra, il mitico Gigino pizza a Metro di Vico Equense, Francesco e Salvatore Salvo a San Giorgio a Cremano. Verranno a dirvi che non sapete nulla se non avete provato Francesco Martucci e i suoi Masanielli (che ora sono pure a Napoli) o il mitico Franco Pepe (Peppe in Grani) in provincia di Caserta o Pizzeria da Lioniello a Succivo; se a Salerno non vi siete fermati da Mansi o alla Smorfia o Carminuccio a Mariconda, Perrotta a Eboli. Ce ne sono ovunque e tante meriterebbero un viaggio ad hoc, come per certi ristoranti con una stella Michelin.

Le polemiche sul menù

Incredibile a dirsi, esistono degli eretici che non gradiscono la pizza di Gino Sorbillo o quella cui non piace la povertà del menù di Michele a Forcella. C'è gente cui non piace la pizza col cornicione imbottito (specialità di Antica Pizzeria dell'Angelo in piazzetta Nilo a Napoli) e gente che non gradisce certi menù gourmet. Una cosa è certa: la pizza deve essere un pasto digeribile. Se non digerite la pizza significa una sola cosa: che l’impasto non era ben lievitato. Croce nera. Se la pizza è gommosa l'impasto è di bassa qualità, se è bagnaticcia non è ben cotta, se ha grandi corridoi e non buchi tondi nel cornicione significa che non è lievitata bene.

Se è bruciata sotto significa che il forno non è pulito o che è stata stracotta. Se l'olio puzza è rancido, se la mozzarella non è fresca lo si capisce al primo morso,  così come lo si capisce della polpa di pomodoro.  Un consiglio: se potete guardate come lavora il pizzaiuolo. Una pizzeria napoletana che si rispetti ha il bancone a vista. Sappiate che una pizza margherita presa circa un quarto di chilo, ovvero 250 grammi e che in corpo vale circa 800 kcal. Dunque se qualcuno vi propone pizze con condimenti eccessivi evitate: poi si piazza sullo stomaco anche se è fatta con i migliori ingredienti al mondo.

 
137 CONDIVISIONI
Quanto costava mangiare una pizza negli anni 80 a Napoli
Quanto costava mangiare una pizza negli anni 80 a Napoli
Chicago e il New Jersey: "Siamo la Capitale della pizza nel mondo". La risposta dei napoletani
Chicago e il New Jersey: "Siamo la Capitale della pizza nel mondo". La risposta dei napoletani
Il pizzaiolo più bravo d'Italia è di Cagliari: battuta Napoli, solo seconda
Il pizzaiolo più bravo d'Italia è di Cagliari: battuta Napoli, solo seconda
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni