Immagine di repertorio
in foto: Immagine di repertorio

Circa 150 chili di cocaina sono stati rinvenuti in una operazione congiunta della Polizia di Stato e della Guardia di Finanza a Licola, tra i comuni di Giugliano e Marano, in provincia di Napoli. L'intervento nel pomeriggio di oggi, 25 marzo. La droga, a quanto si apprende, sarebbe stata stipata in un appartamento di via Madonna del Pantano. Lo stupefacente è stato sequestrato, sono in corso accertamenti. Sul posto agli agenti della Squadra Mobile della Questura di Napoli.

Con tutta probabilità l'appartamento era utilizzato come deposito di stoccaggio per cocaina appena arrivata in città e che sarebbe stata smistata a diversi gruppi criminali. Le successive analisi chimiche verificheranno se si tratta di stupefacente già "tagliato", quindi destinato alle piazze di spaccio, anche se appare invece verosimile che la partita sia pura. Le forze dell'ordine hanno trovato lo stupefacente dopo l'irruzione, diverse persone sarebbero state fermate e la loro posizione sarebbe al vaglio degli inquirenti. Nel corso dell'intervento sarebbero state trovate anche delle armi e fermate delle persone.

Un altro grosso sequestro c'era stato un mese fa: gli agenti della Mobile di Caserta avevano bloccato un carico di 205 chili, diretto in Campania a bordo di un tir. L'autoarticolato era stato intercettato sull'autostrada A1 e fermato all'altezza di Caserta Nord. La droga, divisa in 175 confezioni con vari loghi, era nascosta sotto materiali plastici e in un doppio fondo ricavato sotto le pedane: un quantitativo enorme, per spostare tutto gli agenti avevano dovuto utilizzare un muletto. Il valore complessivo della cocaina sequestrata ammontava a circa 10 milioni di euro. L'autista, un 53enne di nazionalità slovacca, era stato arrestato per traffico di stupefacenti.