7 Aprile 2022
9:32

Margherita Vicario: “Sul palco a Napoli porterei tutta la generazione di Pino Daniele e i Nu Genea”

Margherita Vicario arriva al Duel Beat di Napoli per il suo tour nei club, portando un vero e proprio show, in attesa di capire se con lei ci sarà anche Speranza.
A cura di Francesco Raiola
Margherita Vicario (Credits Niccolò Berretta)
Margherita Vicario (Credits Niccolò Berretta)

Cita Pino Daniele e James Senese, ma anche i Nu Genea, mentre in Orango Tango voleva andare ai "Quartieri spagnoli a regalare milioni", Margherita Vicario, il cui tour atterra a Napoli il prossimo 12 aprile. La cantautrice romana, infatti, autrice  di Bingo e uscita da poco con il nuovo singolo "Aeroplani" salirà sul palco del Duel Beat di Agnano in occasione del suo tour nei club italiani. Rappresentante di uno dei migliori cantautorati pop del paese, margherita Vicario è una delle artiste più interessanti del panorama, come ha dimostrato ance il suo ultimo album Bingo, in c'erano singoli come "Mandela", Pina Colada",  "Abauè", "Giubbottino" e "Romeo" in cui duettava col rapper franco-casertano Speranza. In attesa di sapere se sul palco con lei ci sarà qualche ospite, Vicario – che in questi giorni è in tv con la serie tv di Rai 1 "Nero a metà" – porterà una band di sette musicisti: Davide Savarese alla batteria, Micol Touadi ai cori, Stefano Rossi al basso, Cristiana Della Vecchia alla tastiera, Elisabetta Mattei al trombone, Riccardo Nebbiosi al sax contralto, Francesco Fratini alla tromba.

Hai fatto il tour estivo, ma ora riparti a pieno regime, con un tour come lo immaginavi, no?

Sì, sì, infatti mi sono sbizzarrita, devo ammettere che questi due anni li ho vissuti appieno, perché ho fatto un sacco di concerti, però poter vivere queste canzoni con un pubblico di una volta sarà una bella emozione, è un concerto da ballare.

Questa cosa del ballo la sento spesso parlando con i cantanti, come se fosse simbolo del ritorno.

Certo, c'è voglia di liberare questo corpo costretto.

Torni sul palco con una formazione di sette musicisti, tra cui una sezione fiati…

Sì, ci sarà anche un disegno luci stupendo, sarà un vero e proprio spettacolo. Porterò tutto Bingo, dei pezzi nuovi e anche dei pezzi che fanno parte del mio passato, però rifatti con sette musicisti sul palco saranno ancora più belli. È un grande traguardo per me, perché suonerò in dei club bellissimi e con canzoni nate in cameretta che adesso allargano le spalle.

Porti inediti?

Ci sto pensando, mentre facevo l'allestimento pensavo che almeno uno lo vorrei portare, però per adesso non sono previsti. Magari, però, per gran parte del pubblico dei miei pezzi vecchi saranno come degli inediti.

A Napoli dobbiamo aspettarci qualcosa di particolare? Sai, avendo duettato con Speranza…

Ci stiamo ancora organizzando, mi piacerebbe che in ogni data partecipassero persone che hanno collaborato con me, ma anche ospiti, amici…

Il caso vuole che, a proposito di Napoli, sei in tv con Nero a metà, che i partenopei conoscono bene per altri motivi…

Sono legata a Napoli, il pubblico napoletano è un pubblico espansivo, quindi quando suoni lì sono grandi soddisfazioni, è di grande sostegno, senti l'affetto.

Quali artisti porteresti sul palco se potessi?

Beh, a proposito di Nero a metà porterei tutta la scuola del Neapoletan Power, quella legata anche a Pino Daniele, quella scuola lì, penso a James Senese, per esempio. Ma anche qualche artista più contemporaneo, coetaneo, tipo i Nu Genea, loro mi piacciono molto.

Tutti esempi di musica che con la tua hanno a che fare per l'idea di contaminazione…

Esattamente, in più questi artisti hanno in comune una forma di intrattenimento, oltre all'idea del suonare, di avere i musicisti sul palco e farli suonare. Ho un batterista, Davide Savarese, che è la colonna dello show, penso alla mia corista, alla sezione fiati, un live gode anche dell'artisticità dei musicisti, non solo di chi scrive o canta, è più una cosa collettiva e più si è sul palco più puoi costruire questa magia.

A Napoli un presepe fatto di pizza: i pastori di Putin e Zelensky condividono una margherita per la pace
A Napoli un presepe fatto di pizza: i pastori di Putin e Zelensky condividono una margherita per la pace
Terrorismo di matrice neonazista: quattro arresti a Napoli, perquisizioni in tutta Italia
Terrorismo di matrice neonazista: quattro arresti a Napoli, perquisizioni in tutta Italia
Pompei, in 60mila per la supplica alla Madonna del Rosario e la venerazione del Sacro Quadro
Pompei, in 60mila per la supplica alla Madonna del Rosario e la venerazione del Sacro Quadro
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni