Opinioni
Elezioni amministrative Napoli 2021
15 Settembre 2021
8:26

Senza liste Maresca cambia strategia: più aggressivo contro Manfredi. Ma non ha sostegno dei suoi

Catello Maresca cambia atteggiamento: più aggressivo contro Gaetano Manfredi per compensare in visibilità la perdita di ben tre liste a sostegno. Ma il candidato del centrodestra non ha un gran sostegno da parte della sua stessa coalizione e quindi finisce col trovarsi da solo col cerino in mano ad ogni battuta contro l’aspirante sindaco di Pd e M5S.
A cura di Ciro Pellegrino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

Catello Maresca ha avuto rapporti non sempre lineari col centrodestra che ha promosso la sua candidatura a sindaco di Napoli. E oggi che tre liste che lo sostengono, due civiche e quella della Lega, sono state escluse dai giochi (si attende il ricorso al Consiglio di Stato), il pubblico ministero in aspettativa deve cambiare strategia elettorale contro il suo avversario principale nella corsa a sindaco di Napoli, Gaetano Manfredi.

Ieri, però, la prima uscita di questa nuova versione di Maresca è stata un mezzo flop con portmanteau. Maresca ha coniato la parola Demanfredis (De Magistris più Manfredi) prospettando una continuità fra i due (cosa che in effetti potrebbe pure avere un senso, visto che molti ex DeMa sono passati col rettore e col centrosinistra deluchiano):

La minaccia si chiama Demanfredis. Si tratta di un organismo politico geneticamente modificato: è una metà de Magistris e per l'altra metà Manfredi: che sta raccogliendo tutta la generazione politica che ci ha allietato negli ultimi dieci anni. È una cordata di potere che parte da Nola e finisce a Sant'Antimo e che vuole venire governare a Napoli. …

Prima del morto già si vogliono accaparrare i monili. Mi dicono che si è già aperto il mercato delle vacche...

Non solo non ci piegheremo, ma usciremo più forti da questa storia contro ‘ciucciuvettole’ (civette) e ‘schiattamorti’ (becchini) cui piace vincere facile con le carte da bollo piuttosto che confrontarsi sui programmi.

Il problema è che a Maresca manca la cosiddetta ‘batteria': deputati, senatori, consiglieri regionali e candidati che ripetono il suo leitmotiv del giorno in tv, nelle dichiarazioni sui giornali, nei video web, sui social network, facendolo diventare uno slogan.

Invece ieri Maresca si è trovato Stefano Caldoro che ha bacchettato un po' tutti e Amedeo Laboccetta che da mesi è stile The Crow sulla candidatura del magistrato.

Risultato? Le sue stilettate contro l'ex ministro e rettore candidato con Pd e M5s sono state bersagliate dal centrosinistra: sono intervenuti a decine per definirlo aggressivo e violento nei toni. E a coronamento è arrivato il candidato avversario che ha dichiarato «Ho un altro stile».

Alla fine davvero l'unico che difende Maresca è Matteo Salvini prospettando una specie di complotto: «Mi sembra che da parte di qualcuno ci sia la voglia di eliminare l'avversario perché sono tutte liste a sostegno del candidato del centrodestra però confidiamo nel ricorso al Consiglio di Stato».

Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
231 contenuti su questa storia
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
Dormire è impossibile: il racconto e la disperazione di chi vive al centro storico di Napoli
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
San Gennaro 2021, l'arcivescovo Battaglia: "Solo chi ama Napoli potrà amministrarla"
41.698 di Peppe Pace
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Comunali Napoli, fuori anche la civica Catello Maresca: ora il centrodestra ha 4 liste in meno
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni