Per questo Natale, il Comune di Napoli, in segno di rispetto per le tante difficoltà e le perdite umane ed economiche causate dalla pandemia di Coronavirus, ha deciso di non installare le classiche luminarie natalizie. Palazzo San Giacomo, però, non ha rinunciato all'atmosfera natalizia e, nell'ambito del programma per il Natale 2020, ha dato il via all'iniziativa "Luci sulla città": frasi di celebri artisti e personaggi partenopei proiettate sui più noti monumenti e palazzi monumentali della città, dal centro alla periferia. A inaugurare la manifestazione il testo di Terra Mia, celebre brano di Pino Daniele, proiettato sul Maschio Angioino, acceso nella serata di ieri, 23 dicembre: le note della canzone, inoltre, accompagneranno lo spettatore.

"Nonostante i tempi, nonostante il tempo, a Napoli sarà Natale. Con la musica, il teatro, la danza, le luci colorate. Con i musicisti, gli attori, i ballerini, i tecnici, le maestranze, i luoghi della cultura aperti e ristorati per il lavoro che faranno. Che è lavoro anche per l’anima, degli artisti e del pubblico che ne beneficerà. ‘Non fermiamo la cultura', lo slogan utilizzato dall’Assessorato alla Cultura e al Turismo del Comune di Napoli a marzo durante il primo lockdown, trova, in questo ultimo atto del 2020, ancora più significato dando la possibilità a un comparto fermo dovunque nel resto del Paese di lavorare e esprimersi, di resistere, di sperare e di guardare oltre, dall’alto di un palcoscenico, verso tempi migliori" hanno dichiarato il sindaco di Napoli Luigi de Magistris e l'assessore comunale alla Cultura Eleonora de Majo.