174 CONDIVISIONI
20 Luglio 2020
20:25

La camorra reinveste nelle sigarette. La Dia: “Crisi Covid può alimentare contrabbando”

La camorra ha ricominciato a reinvestire nelle sigarette di contrabbando. Lo rileva la Dia nell’ultima relazione semestrale, evidenziando che la crisi legata al coronavirus potrebbe alimentare ulteriormente il traffico. Uno degli ultimi sequestri a Melito (Napoli), nel rione 219: una donna nascondeva in casa 15 casse di sigarette estere, persino sotto al letto.
A cura di Nico Falco
174 CONDIVISIONI

I clan di camorra hanno ripreso a investire nel contrabbando di sigarette. Un affare passato in secondo piano ma mai accantonato, che assicura un introito costante alle organizzazioni criminali e, con la crisi portata al coronavirus potrebbe tornare ad essere centrale negli affari della malavita organizzata. Lo rileva la Direzione Investigativa Antimafia, nella relazione semestrale relativa al periodo tra luglio e dicembre 2019.

Più che alle fabbriche abusive da allestire in qualche capannone in periferia, però, i gruppi di camorra hanno rivolto definitivamente lo sguardo all'estero: per far arrivare le sigarette si possono usare i canali della droga, ma anche un semplice cittadino proveniente dall'Est Europa può diventare un corriere. E, nel caso di sequestri, si perde soltanto quel carico e si può subito ricominciare.

"Il 14 luglio 2019 – si legge nella relazione semestrale – è stato rintracciato e tratto in arresto un esponente del clan Contini, sfuggito nel corso dell'operazione Cartagena, che con altri sodali aveva il compito di gestire l'importazione di sigarette dall'Ungheria, poi smistate a Napoli, in particolare all'interno del Borgo Sant'Antonio, zona di influenza del gruppo, oppure cedute anche ad altri acquirenti. La crisi conseguente alla pandemia di coronavirus potrebbe ulteriormente alimentare anche il contrabbando di tabacchi lavorati esteri, già oggetto di interesse da parte delle organizzazioni criminali e, nel recente passato, anche di azioni efferate per l’assunzione del controllo".

A Melito casa trasformata in deposito di sigarette

Uno degli ultimi sequestri di sigarette di contrabbando è stato effettuato dai carabinieri della Compagnia di Marano di Napoli a Melito, in un appartamento del rione 219. I militari, arrivati tra i palazzoni per un servizio antidroga, hanno ispezionato l'abitazione di Angela F., 41 anni, pregiudicata.

Hanno scoperto che nell'appartamento c'erano nascoste sigarette ovunque: 15 casse stipate anche sotto al letto, per un peso complessivo di 156 chili di tabacchi di varie marche estere. La donna, arrestata, è stata sottoposta ai domiciliari in attesa del processo.

174 CONDIVISIONI
Blitz in un deposito di Secondigliano, sequestrate 3 tonnellate di sigarette di contrabbando
Blitz in un deposito di Secondigliano, sequestrate 3 tonnellate di sigarette di contrabbando
Blitz nel feudo del clan Di Lauro, sequestrate sigarette per mezzo milione di euro a Secondigliano
Blitz nel feudo del clan Di Lauro, sequestrate sigarette per mezzo milione di euro a Secondigliano
Covid Campania, oggi 14.416 contagi e 22 morti: bollettino di sabato 22 gennaio 2022
Covid Campania, oggi 14.416 contagi e 22 morti: bollettino di sabato 22 gennaio 2022
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni