Un vasto incendio si è verificato in una zona di campagna nei pressi di via Terracina, nel quartiere Fuorigrotta, a Napoli. A fuoco, e a quanto pare intenzionalmente, dei cumuli di rifiuti che erano stati ammassati sul ciglio della strada e tra cui c'erano anche pannelli di amianto, probabilmente residuo di qualche ristrutturazione edile nei paraggi. Sono interventi gli agenti del reparto Tutela Ambientale della Polizia Locale di Napoli, insieme ai Vigili del Fuoco; l'area è stata posta sotto sequestro e sono state avviate indagini per risalire ai responsabili.

Il rogo, appiccato volontariamente per disfarsi della spazzatura e dell'amianto, si è allargato su un'ampia superficie che dalla zona di Monte Sant'Angelo, alle spalle di via Terracina, si estende verso l'ippodromo di Agnano. I vigili del fuoco sono riusciti a circoscrivere l'area e a ridurre l'estensione del fuoco mentre gli agenti, una volta ultimate le operazioni di spegnimento, hanno posto sotto sequestro l'area, un suolo agricolo panoramico, accertando che tra i vari rifiuti e scarti edili erano state depositate anche delle lastre di amianto.

Ora sono in corso accertamenti sui proprietari dei suoli e sui responsabili dell'incendio, anche per capire se si sia trattato di un caso isolato o se il terreno agricolo, che è lontano dalle strade frequentate e in una zona dove ci sono pochissime abitazioni, venga abitualmente utilizzata per bruciare rifiuti. È stata informata la Procura per discarica e incendio di rifiuti, reato punito dal codice dell'Ambiente e dal recente decreto legge 68 che per episodi del genere ha inserito pene severe.