11 Giugno 2022
15:24

La partita di calcetto si trasforma in rissa: ragazzo finisce al pronto soccorso nel Napoletano

Ancora Casoria protagonista di una vicenda di violenza giovanile, questa volta su un campo di calcetto. Tensioni, rissa e botte, arrivano i carabinieri. Un ragazzo in ospedale.
A cura di Redazione Napoli

«Siamo un gruppo di bravi ragazzi, tra di noi c’è chi studia e chi lavora e siamo veramente scossi del fatto che una serata di sport deve tramutarsi in qualcosa di aberrante». A Fanpage.it esordisce così uno dei ragazzi protagonisti della brutta serata al centro Eden di Casoria, nel Napoletano, dove giovedì scorso,  durante un torneo amatoriale di calcetto la partita è degenerata in rissa e una delle due squadre ha denunciato di essere stata aggredita dagli avversari.  A stabilire ragioni e torti ci penseranno le forze dell'ordine, di certo c'è che n ragazzo è finito al pronto soccorso a Frattamaggiore con il volto tumefatto e rossori vari sul costato. «Vorremmo che il caso diventi di dominio pubblico in modo da indignare le persone perbene e stimolare le autorità a intervenire punendo i colpevoli» racconta il giovane.

Questi i fatti: la partitella era in corso quando è scoppiata una prima lite. Arrivano i carabinieri, tensioni sedate ma è solo la quiete prima della tempesta. Alla fine della partita  – questo denunciano alcuni ragazzi presenti – botte da orbi nello spogliatoio. Al momento però non vi è denuncia alle forze dell'ordine, sottolinea in una nota il consigliere regionale Francesco Emilio Borrelli che riporta la testimonianza di uno dei giocatori:

Già durante la partita, al centro sportivo Eden, ci sono state delle intimidazioni da parte di queste persone che ci hanno minacciato con espressioni del tipo "teniamo coltelli e pistole". Siamo stati continuamente sotto pressione con l'ansia di giocare una semplice partita per divertirci. A fine match alcune persone presenti nella struttura ci hanno invitato a non uscire per raggiungere gli spogliatoi perché avevano già capito la brutta intenzione di quella gente.

Un nostro amico, però, si era già avviato nello spogliatoio e una volta lì è stato raggiunto da tre uomini che hanno chiuso a chiave la porta e l'hanno brutalmente pestato. Uno di loro ci ha poi avvertiti di non denunciare poiché una denuncia ‘l'avrebbe rovinato'.

« Questi soggetti vanno assolutamente individuati e puniti, prima che qualche altra persona in qualche altro campetto se li ritrovi davanti e rischi di essere brutalmente pestato», è il commento del consigliere regionale di Europa Verde.

Ragazzino di 13 anni accoltellato al pube a Napoli durante una partita di calcetto
Ragazzino di 13 anni accoltellato al pube a Napoli durante una partita di calcetto
Oltre 150 pazienti ricoverati, chiude il Pronto Soccorso dell'ospedale Cardarelli
Oltre 150 pazienti ricoverati, chiude il Pronto Soccorso dell'ospedale Cardarelli
Cardarelli, folla di barelle nel pronto soccorso:
Cardarelli, folla di barelle nel pronto soccorso: "Con l'aumento dei contagi da Covid è un inferno"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni