217 CONDIVISIONI
7 Giugno 2021
20:01

I genitori di Seid Visin: “Quando ha iniziato a crescere gli è tornato addosso tutto il passato”

Walter e Maddalena Visin, i genitori di Seid Visin, il giovane di 20 anni di Nocera Inferiore (Salerno) e di origini etiopi, morto suicida la scorsa settimana, escludono che il figlio abbia commesso l’estremo gesto a causa di motivi razziali. La lettera contro il razzismo scritta dal 20enne letta durante i suoi funerali, come ribadiscono i genitori, è stata scritta anni prima.
A cura di Valerio Papadia
217 CONDIVISIONI

Il dolore è ancora visibile sui loro volti, eppure Walter e Maddalena Visin, i genitori adottivi di Seid Visin, il giovane di 20 anni morto suicida la scorsa settimana a Nocera Inferiore, nella provincia di Salerno, hanno voluto ricordarlo, concedendo una intervista a Telenuova, emittente locale. I genitori di Seid, ex calciatore con un passato anche nelle giovanili del Milan, in particolare il padre Walter, ci tengono a ribadire che il 20enne non ha compiuto l'estremo gesto a causa di problemi razziali. Il genitore precisa che la lettera contro il razzismo proprio da Seid e letta durante i suoi funerali risale ad anni prima. "Mio figlio – racconta il padre – lottava contro le discriminazioni razziali di tutti i generi. Non faceva niente per sé, faceva per gli altri". E proprio nel nome del figlio, un giorno, Walter Visin vorrebbe dare vita a un'associazione per aiutare i giovani.

Anche la madre Maddalena ricorda come Seid fosse sempre pronto ad aiutare gli altri e a combattere le ingiustizie, "tanto è vero che aveva deciso di iscriversi a Giurisprudenza" ricorda la donna. La mamma parla di Seid come di un bambino felice, subito dopo l'arrivo nella loro famiglia e durante l'infanzia. "Quando ha iniziato a crescere – ha aggiunto Maddalena – gli è tornato addosso tutto il passato, ha iniziato a essere più riflessivo, ha iniziato a vivere un disagio. Si è attivato, era un paladino della giustizia, infatti si è iscritto a giurisprudenza nonostante io cercassi di indirizzarlo altrove. Lui credeva nella giustizia". La donna ha ricordato anche come durante le prime fasi della pandemia Seid avesse vissuto con difficoltà l'isolamento vissuto a Milano, dove studiava appunto Giurisprudenza, "chiuso 24 ore su 24 in una stanza nello studentato. Quello che dobbiamo fare è non lasciare i ragazzi da soli, devono stare insieme, socializzare" ha concluso la donna.

217 CONDIVISIONI
Salerno, Vincenzo fa l'esame di maturità a 64 anni:
Salerno, Vincenzo fa l'esame di maturità a 64 anni: "L'ho promesso a mia moglie morta di Covid"
Allarme siccità, a Ravello il sindaco ordina:
Allarme siccità, a Ravello il sindaco ordina: "Lavate i piatti con l'acqua della pasta"
Blackout ad Amalfi durante la processione di Sant'Andrea, auto al buio investe turista americana
Blackout ad Amalfi durante la processione di Sant'Andrea, auto al buio investe turista americana
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni