Si gira in piazza Cardinale Riario Sforza il film “I fratelli De Filippo” di Sergio Rubini, dedicato a Eduardo, Titina e Peppino, prodotto dalla Pepito Produzioni. La piccola piazza, che si apre in via dei Tribunali ed ha al centro l'obelisco di San Gennaro benedicente, di fronte al complesso del Pio Monte della Misericordia, è considerata tra le più caratteristiche di Napoli ed è stata scelta pochi mesi fa anche come location per le riprese di “Natale in casa Cupiello”, il film di Edoardo De Angelis con Sergio Castellitto, andato in onda su Rai Uno. In quell’occasione però le scene del film con Castellitto sono state girate tutte in interno, in un antico appartamento che affaccia sulla piazzetta. Per il film sui De Filippo, invece, la piazza è stata riportata agli anni del primo Novecento, e i locali che si aprono sulla piazzetta sono stati arredati con le insegne delle antiche botteghe.

I De Filippo, location nella stessa piazza dello spot D&G

Quattro anni fa, la stessa piazza Cardinale Riario Sforza fu scelta per girare lo spot D&G, con protagonisti le star della serie Tv Il Trono di Spade, Kit Harington, alias Jon Snow, ed Emilia Clarke, per la regia di Matteo Garrone. Era il 2017 e per le riprese fu scelta la piazzetta, che si apre in uno slargo di via dei Tribunali, proprio alle spalle del Duomo di Napoli, con banconi di pesce e frutta e massaie affacciate ai balconi. “I fratelli De Filippo” è l’omaggio cinematografico del regista e attore pugliese Sergio Rubini ai tre grandi attori teatrali napoletani. Le riprese sono iniziate lo scorso autunno, quando il set è stato allestito per circa due settimane tra piazza del Plebiscito, piazzetta Salazar e le Rampe Paggeria. Tra le altre location anche via Conte di Ruvo dove c'è il Teatro Bellini. Il film ricostruisce le vite dei tre grandi attori della commedia italiana, durante il periodo dell'ascesa della compagnia teatrale, dalla metà degli anni '20 all'inizio dei '30, subito dopo la morte di Eduardo Scarpetta, padre naturale dei De Filippo. La storia copre un arco narrativo che va dal 1925, quando muore Scarpetta, al Natale del 1931, anno della loro prima rappresentazione al Kursaal di Napoli, e racconta gli anni della formazione della compagnia teatrale, approfondendo i rapporti tra i tre fratelli. Per il cast il regista pugliese ha annunciato di volersi avvalere di attori esordienti. I primi casting sono stati fatti a Roma alla fine del 2019.