Valanga  di voti per Francesco Emilio Borrelli, il consigliere regionale ambientalista, nemico giurato dei parcheggiatori abusivi di Napoli, pochi giorni fa selvaggiamente picchiato proprio da alcuni di loro, candidato nella circoscrizione di Napoli. Borrelli, con 14.923 voti quando ormai è quasi concluso lo scrutinio guida la lista Europa Verde-Demos Democrazia Solidale, collegata al governatore Vincenzo De Luca nella coalizione di centrosinistra, quando ci sono 1.014 sezioni scrutinate su 2895. Quasi triplicate le sue preferenze rispetto al 2015, quando ne raccolse 2.233. Al secondo posto, Roberta Gaeta, ex assessore alle Politiche Sociali del Comune di Napoli, nella giunta de Magistris, con 1.218 voti.

Borrelli è stato molto impegnato in questi anni anche nelle battaglie contro la malasanità in Campania, con decine di denunce in quanto componente della commissione Sanità del consiglio regionale. Ricandidato in questa tornata elettorale, al momento, ha battuto anche l'ex presidente della Provincia Dino Di Palma, che ha raccolto finora 932 preferenze. Nel complesso la lista di Europa Verde-Demos ha incassato, con un terzo delle sezione scrutinate, 16.814 voti, pari al 3,06%, abbastanza da far scattare almeno un seggio in consiglio regionale, se fossero confermati. Ed è la settima più votata dopo Pd, De Luca Presidente, Italia Viva, Fare Democratico-Popolari, Campania Libera e Liberaldemocratici-Moderati. Ottimo risultato anche a Napoli città per Borrelli, che incassa ben 3.797 preferenze, pari al 54,81% dei voti della lista, registrando le migliori performance soprattutto nelle periferie di Scampia, Secondigliano, Poggioreale. Il risultato peggiore alla IV Municipalità di Poggioreale-San Lorenzo, Vicaria, Zona Industriale dove si attesta al 31,48%.