6.156 CONDIVISIONI
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)
28 Giugno 2021
13:06

“Finirà come la cella zero”, “Abbattiamoli come vitelli”: le chat degli agenti accusati di torture

Rappresaglie mascherate da perquisizioni, durante le quali i detenuti sono stati picchiati, umiliati e lasciati senza cure per punirli della rivolta. Emerge dalle indagini della Procura di Santa Maria Capua Vetere, che hanno portato a misure cautelari per 52 persone, tra cui numerosi agenti della Polizia Penitenziaria. Le chat tra gli agenti: “Li abbattiamo come vitelli”.
A cura di Nico Falco
6.156 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)

Dai messaggi compiaciuti per come avevano "ristabilito l'ordine" a quelli di paura, quando avevano saputo che gli inquirenti avevano acquisito le immagini della videosorveglianza e che, da quei video, sarebbero arrivati a loro. E che non l'avrebbero passata liscia. Tutto ricostruito nelle indagini che hanno portato oggi all'esecuzione di 52 misure cautelari nei confronti di poliziotti e impiegati del Dipartimento dell'amministrazione Penitenziaria della Campania, firmate dal gip di Santa Maria Capua Vetere dopo la richiesta della Procura locale.

Il gip che ha firmato le misure, parlando di raid pianificati e studiati, non usa mezzi termini: "una orribile mattanza". Le accuse sono gravi: torture pluriaggravate ai danni di numerosi detenuti, maltrattamenti pluriaggravati, lesioni personali pluriaggravate, falso in atto pubblico aggravato, calunnia, favoreggiamento personale, frode processuale e depistaggio.

 

Le punizioni dopo la rivolta in carcere

La vicenda è collegata alla rivolta che scoppiò nel carcere di Santa Maria Capua Vetere nell'aprile 2020, quando circa 150 detenuti "presero possesso" di sei sezioni della struttura e costrinsero ad allontanarsi gli agenti, inscenando una protesta dopo aver saputo di un contagio Covid dietro le sbarre. Secondo l'ipotesi della Procura dopo quella rivolta, che rientrò con la promessa che venissero effettuati i test, ci furono perquisizioni punitive e ritorsioni. A denunciarlo, pochi giorni dopo, furono i garanti dei detenuti campani.

Precedentemente, nello stesso carcere, c'era stata un'altra protesta. Il 9 marzo un gruppo di 160 detenuti del reparto Tevere si era rifiutato di rientrare in cella dopo l'ora del passaggio, protestando per l'interruzione dei colloqui imposta per le norme anti Covid, ma in quella circostanza non ci furono incidenti, danni o episodi di violenza.

Detenuti picchiati, costretti a strisciare e lasciati senza cure

Dopo la seconda protesta, nella giornata del 6 aprile, ci fu una perquisizione straordinaria nei confronti di quasi tutti i ristretti del reparto Nilo, quello dove c'era stata la protesta. Ma, ricostruiscono i magistrati, il vero intento degli agenti non era di cercare armi: si trattava di violente rappresaglie, a cui avevano partecipato 283 unità, sia interne all'organico del carcere sia provenienti dal Gruppo di Supporto agli Interventi. Erano state perquisite 292 persone.

I video della videosorveglianza, sottolinea in un comunicato il procuratore di Santa Maria Capua Vetere, Maria Antonietta Troncone, dimostrano "l'arbitrarietà delle perquisizioni, disposte oralmente", e fanno emergere "il reale scopo dimostrativo, preventivo e satisfattivo, finalizzato a recuperare il controllo del carcere e appagare presunte aspettative del personale della Polizia Penitenziaria, essendosi conseguentemente utilizzato un atto di perquisizione".

Le immagini, prosegue il procuratore, "rendevano una realtà caratterizzata dalla consumazione massificata di condotte violente, degradanti e inumane, contrarie alla dignità ed al pudore delle persone recluse". Dopo la denuncia dei garanti c'era stata una visita ispettiva del Magistrato di Sorveglianza, durante la quale diversi detenuti avevano riferito delle violenze.

Era emerso che alcuni ristretti erano stati lasciati senza biancheria e che non erano stati visitati nonostante avessero contusioni ed ecchimosi evidenti, e gli fosse impedito qualsiasi contatto telefonico coi familiari. Da qui, la decisione di acquisire i nastri della videosorveglianza, con delega ai carabinieri della Compagnia di Santa Maria Capua Vetere.

I video dell'orrore nel carcere di Santa Maria Capua Vetere

Dai video acquisiti, scrive il Procuratore, "era possibile accertare, in modo inconfutabile, la dinamica violenta, degradante e inumana che aveva caratterizzato l'azione del personale impiegato nelle attività, persone difficilmente riconoscibili perché munite di DPI ed anche, quanto a numerosissimi agenti, di caschi antisommossa, unitamente a manganelli in dotazione, illegalmente portati con sé, ed anche di un bastone".

I detenuti del reparto Nilo, ricostruiscono i magistrati, erano stati costretti a camminare attraverso un "corridoio umano" formato dai poliziotti e percossi al passaggio con "un numero impressionante di calci, pugni, schiaffi alla nuca e violenti colpi di manganello, che le vittime non riuscivano in alcun modo ad evitare".

Altri video, che inquadrano le sale della socialità, mostrano detenuti costretti a stare in ginocchio per lungo tempo e picchiati anche quando, ormai esanimi, crollavano a terra. Uno di loro viene ripreso mentre cerca di riparare la testa dai colpi e un agente lo colpisce col manganello sulle nocche delle dita.

Gli inquirenti hanno ritenuto la gravità indiziaria per il delitto di concorso in tortura nei confronti di 41 detenuti, di maltrattamento aggravato verso 26 detenuti e di lesioni personali volontarie nei confronti di 130 detenuti.

Il gip: "Nel carcere una orribile mattanza"

Il Procuratore ricorda poi le parole del gip, che nell'emettere i provvedimenti aveva parlato di "uno dei più drammatici episodi di violenza di massa perpetrato ai danni dei detenuti in uno dei più importanti istituti penitenziari della Campania", "un vero e proprio uso diffuso della violenza, intesa da molti ufficiali ed agenti della Penitenziaria come l'unico espediente efficace per ottenere la completa obbedienza dei detenuti" e "una orribile mattanza".

Le chat tra gli agenti da "Li abbattiamo come vitelli" a "Finisce come la cella zero"

Altri elementi sono emersi dall'analisi delle chat intercorse tra gli agenti della Penitenziaria, i loro dirigenti e altre persone dopo il sequestro dei telefoni cellulari. Il tenore dei messaggi cambia sensibilmente da prima delle perquisizioni, quindi nelle fasi preparative, a quando si diffonde la notizia dell'acquisizione dei video.

"Allora domani chiave e piccone in mano", "li abbattiamo come vitelli", "non sempre il mefisto serve ai banditi per fortuna", "spero che pigliano tante di quelle mazzate che domani li devo trovare tutti malati", "si deve chiudere il reparto Nilo per sempre, il tempo delle buone azioni è finito", scrivono prima delle perquisizioni.

Subito dopo gli eventi, altri messaggi che li commentano: "Il sistema Poggioreale", "quattro ore di inferno per loro", "qualche ammaccato tra i detenuti… cose normali"; "Abbiamo ristabilito un po' l'ordine", "ho visto cose che in sei anni non immaginavo nemmeno", "c'è stato un carcerato che ha dato addosso a un collega e lo hanno portato giù alle celle e come di rito ha avuto pure la parte sua", "Dalle 16 alle 18 abbiamo fatto tabula rasa" e "Oggi si sono divertiti al Nilo".

Dopo l'acquisizione dei video, invece, il tenore cambia. C'è la paura di venire identificati, di pagare le conseguenze. Quindi i messaggi sono del tutto diversi: "Temo che da domani sarà una carneficina", "Ci andranno pesante", "mò succede il terremoto", "pagheremo tutti, 300 agenti e una decina di funzionari", "decapiteranno mezza regione", "è stata gestita male e sta finendo peggio" e "finirà come la cella zero".

I detenuti picchiati accusati di resistenza e lesioni

Nei giorni successivi, già a partire dal 7 aprile 2020, agenti e ufficiali della Penitenziaria avevano inoltrato una informativa di reato nei confronti di 14 detenuti, accusandoli di resistenza e di lesioni. Per la Procura si trattava di accuse false: in realtà quelle ferite "non erano sicuramente state procurate dai detenuti ma risultavano conseguenza delle violenze consumate dagli stessi agenti, mediante pugni, schiaffi, calci e ginocchiate ai danni dei reclusi".

Inoltre, sempre per coprire le violenze, gli agenti e diversi ufficiali sono accusati di avere prodotto delle false fotografie, scattate ad armi e oggetti atti a offendere sequestrati in altre circostanze, spacciandole per materiale trovato durante e subito dopo la protesta. Tra questi, gli scatti che ritraevano dei pentolini sui fornelli, che nei racconti sarebbero diventati quelli utilizzati per riscaldare olio e acqua da gettare sui poliziotti.

Detenuti picchiati a Santa Maria Capua Vetere, 52 misure cautelari

Delle 52 misure cautelari eseguite oggi, 28 giugno, 8 sono con custodia in carcere, nei riguardi di un ispettore coordinatore del reparto Nilo e di 7 tra assistenti e agenti della Penitenziaria, tutti in servizio nel carcere sammaritano.

Disposti i domiciliari per 18 persone: per il comandante del Nucleo Operativo Traduzioni e Piantonamenti del carcere di Secondigliano /comandante del Gruppo di Supporto agli interventi, del comandante dirigente della Penitenziaria di Santa Maria Capua Vetere, della commissaria capo responsabile del reparto Nilo dello stesso carcere, di un sostituto commissario, di 3 ispettori coordinatori Sorveglianza Generale e di 11 tra assistenti e agenti della Penitenziaria, sempre in servizio a Santa Maria Capua Vetere.

Tre misure di obbligo di dimora sono state notificate a 3 ispettori della Penitenziaria, tutti in servizio a Santa Maria Capua Vetere. Infine, sono state disposte 23 misure cautelari interdittive della sospensione dall'esercizio del pubblico ufficio, per un periodo tra i 5 e i 9 mesi, nei confronti della comandante del Nucleo Investigativo Centrale della polizia Penitenziaria, Nucleo Regionale Napoli, del Provveditore Regionale per la Campania, Dipartimento dell'Amministrazione Penitenziaria, e per 21 tra assistenti e agenti della Penitenziaria, questi ultimi quasi tutti in servizio nel carcere di Santa Maria Capua Vetere.

6.156 CONDIVISIONI
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni