Elezioni amministrative Napoli 2021
12 Ottobre 2021
10:57

“Sappiamo dove votate…”: arrestato l’autore del messaggio Whatsapp intimidatorio durante le elezioni a Salerno

Messaggio Whatsapp dai toni intimidatori nel pieno della campagna elettorale per le Elezioni comunali di Salerno, agli arresti domiciliari il titolare di una cooperativa sociale e un suo dipendente.
A cura di Ciro Pellegrino
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

È finito agli arresti domiciliari l'autore di un inquietante messaggio inoltrato a raffica su Whatsapp nel pieno delle elezioni comunali a Salerno. Gianluca Izzo, amministratore di fatto della Cooperativa sociale "San Matteo" e Umberto Coscia, impiegato nella stessa società. L'ipotesi d'accusa è aver violato l'art. 87 Dpr 570/1060 che punisce tra le altre cose

chiunque usi violenza o minacci  un elettore, o la sua famiglia, per costringerlo a firmare una dichiarazione di presentazione di candidatura o a votare in favore di determinate candidature

Il fatti sono i seguenti: lo scorso 3 ottobre, nella prima giornata di voto per le elezioni amministrative del Comune di Salerno, la Polizia Giudiziaria aveva appreso, dalla pagina-profilo Facebook di alcuni consiglieri di minoranza al Comune di Salerno, che era stato pubblicato e commentato un messaggio Whatsapp dal contenuto intimidatorio in relazione alla campagna elettorale.

Iniziano le indagini e si arriva al mittente: il messaggio era destinato ad un gruppo chat composto dai lavoratori di un Ente legato alla Amministrazione Comunale che aveva «espresso una candidata nelle liste collegate al sindaco Vincenzo Napoli (poi rieletto ndr.)».

Scrive la Procura di Salerno:

Dall'ascolto dell'audio, trasmesso formalmente alla Procura risultava che una voce maschile richiamava tutti i destinatari a rispettare indicazioni di voto evidentemente in precedenza impartite, utilizzando frasi del chiaro contenuto minatorio.

Secondo quanto ritenuto nel provvedimento cautelare, all'esito parziale delle attività investigative, l'audio era stato inoltrato in un gruppo WhatsApp di cui facevano parte i dipendenti della cooperativa San Matteo da Umberto Coscia e confezionato da Gianluca Izzo, mandante anche di una seconda comunicazione, sempre per il tramite di WhatApp, del medesimo tenore intimidatorio.

Sostanzialmente l'autore del messaggio era autore di vere e proprie minacce rispetto al voto e alla sua capacità di controllo: «So dove votate e non votate…quindi personalmente me li vado a controllare…». Gli arresti domiciliari dureranno 20 giorni: sono stati disposti per consentire all'Autorità giudiziaria di acquisire le prove senza il rischio che qualcuno le inquini.

401 contenuti su questa storia
Gaetano Manfredi, per Napoli una giunta di compromesso. E senza giovani
Gaetano Manfredi, per Napoli una giunta di compromesso. E senza giovani
Napoli, Manfredi presenta la nuova giunta: al lavoro subito su rifiuti, vigili e galleria chiusa
Napoli, Manfredi presenta la nuova giunta: al lavoro subito su rifiuti, vigili e galleria chiusa
I bambini intervistano i presidenti delle Municipalità: per loro spazi verdi e luoghi di aggregazione
I bambini intervistano i presidenti delle Municipalità: per loro spazi verdi e luoghi di aggregazione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni