San Gennaro Vesuviano ha già un sindaco, nonostante i seggi siano ancora aperti: è Antonio Russo, candidato per la lista "Obiettivo San Gennaro". Un evento più unico che raro quello di un sindaco che possa già festeggiare la sua elezione a seggi aperti e, dunque, senza alcun tipo neppure di "exit poll". Ma si tratta di un evento che, tuttavia, è più semplice di quanto si possa pensare: a San Gennaro Vesuviano, infatti, il neo-sindaco Antonio Russo ha vinto per mancanza di sfidanti.

Unico candidato alla corsa di primo cittadino, poteva perdere le elezioni solo in un caso: se non si fosse presentato a votare almeno il 50% + 1 degli aventi diritto. Risultato che è stato ovviamente sfiorato già ieri sera, e record "sfiorato" per sole 55 persone che, se si fossero recate ai seggi, avrebbero consentito al neo-sindaco di festeggiare già domenica sera. Poco importa: nella mattinata di oggi è partito il conto alla rovescia e, arrivato al 55esimo elettore mattiniero e del quorum previsto di 4.453 persone, ha potuto così raggiungere quel quorum necessario alla sua elezione. L'affluenza è ormai vicina al 60% rendendo dunque blindatissima la sua elezione. La città attendeva l'elezione di un nuovo sindaco dal 2017: in quell'anno la maggioranza, guidata proprio da Antonio Russo, fece decadere il sindaco, con le dimissioni dalla carica di 9 dei 16 consiglieri comunali di San Gennaro Vesuviano, ed era stata dunque retta da un commissario straordinario fino ad oggi, giorno della rielezione di Antonio Russo che festeggia anche il primato di "primo" sindaco d'Italia eletto in questa tornata elettorale di amministrative 2020, il primo dell'era Covid e, soprattutto, il primo a seggi ancora aperti.