109 CONDIVISIONI
Opinioni
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)
13 Luglio 2021
16:40

Draghi e Cartabia al carcere Santa Maria Capua Vetere per ribadire che lo Stato è quello di Diritto, non dei manganelli

Domani, 14 luglio, il presidente del Consiglio Mario Draghi e la ministra di Giustizia Marta Cartabia si recheranno in visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Il gesto di premier e Guardasigilli è chiaro. È storico e politico. Ribadisce che la violenza di Stato, la sopraffazione di uomini in divisa non può esistere in un Paese civile.
A cura di Ciro Pellegrino
109 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Violenze nel carcere di Santa Maria Capua Vetere (Caserta)

Domani, 14 luglio, il presidente del Consiglio Mario Draghi e la ministra di Giustizia Marta Cartabia si recheranno in visita al carcere di Santa Maria Capua Vetere. Si tratta della casa circondariale "Francesco Uccella" all'interno della quale agenti di Polizia Penitenziaria hanno picchiato più e più volte i detenuti organizzando una vera e propria rappresaglia dopo una rivolta carceraria. Per queste vicende 52 tra funzionari e agenti sono in galera o ai domiciliari. Si tratta dell'inchiesta che coinvolge il maggior numero di uomini in divisa in Italia da vent'anni a questa parte, da dopo il G8 di Genova.

Il gesto di premier e Guardasigilli è chiaro. È storico e politico. Ribadisce che la violenza di Stato, la sopraffazione di uomini in divisa non può esistere in un Paese civile. È un gesto politico poiché in chiaro contrasto  con chi – parliamo del leader della Lega Nord Matteo Salvini – si è presentato poche ore dopo davanti alla struttura penitenziaria di Santa Maria Capua Vetere (non in visita ai detenuti, come pure le sue prerogative di parlamentare consentivano) per difendere la Polizia Penitenziaria senza nemmeno aver contezza delle spaventose prove a carico – parliamo di video, di immagini incontrovertibili – degli accusati in divisa.

Un gesto importante, di civiltà. Pensate se vent'anni fa qualcuno avesse fatto la stessa cosa dopo Napoli, dopo Genova. Quel silenzio fu pesante come una colpa.  Ma oggi non è come allora: Mario Draghi lo sa e non esita a prendere in mano la situazione, senza paura di «offuscare» la propria immagine che non può significare solo  coppe di Wembley e targhe di Wimbledon. Essere Capo del governo significa anche caricarsi del silenzio offeso e duro come un macigno di chi, affidato alla Giustizia per i reati commessi, rimasto senza libertà e diritti, è visto negare tutto, anche la promessa di scontare la pena inflitta senza ulteriori supplizi, come uno Stato di diritto dovrebbe garantire.

109 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
Violenze a Santa Maria, inchiesta chiusa: 120 indagati, tra accuse tortura e omicidio colposo
Violenze a Santa Maria, inchiesta chiusa: 120 indagati, tra accuse tortura e omicidio colposo
Carceri, revoca dell'incarico per la direttrice di Santa Maria Capua Vetere
Carceri, revoca dell'incarico per la direttrice di Santa Maria Capua Vetere
"Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo",  dice la ministra di Giustizia Cartabia
"Nel carcere di Santa Maria Capua Vetere violenza a freddo", dice la ministra di Giustizia Cartabia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni