4.876 CONDIVISIONI
22 Maggio 2022
13:24

Napoli, rubano i documenti al clochard: non ha soldi per rifarli e perde il reddito di cittadinanza

Il consigliere municipale Restaino: “Mentre dormiva in strada gli hanno rubato cellulare, carta del Rdc e documenti. Pronto a pagare io le spese del rinnovo”
A cura di Pierluigi Frattasi
4.876 CONDIVISIONI

"Un povero senzatetto derubato del cellulare, dei documenti e della carta del reddito di cittadinanza mentre dorme in strada. Si è recato in Municipalità per rinnovare la carta d'identità, ma non aveva i soldi per pagare le spese amministrative e adesso non può più incassare il reddito". A denunciare l'accaduto è il consigliere della III Municipalità, Carlo Restaino, che aggiunge: "Mi sono offerto di pagargli il rinnovo della carta d'identità. Purtroppo, non avendo da dichiarare una dimora stabile non ha potuto averla subito, ma gli abbiamo dato tutti gli elementi necessari allo svolgimento degli accertamenti, atti a stabilire l’effettiva sussistenza del domicilio, così da fargliela avere. Quando tornerà all'anagrafe, pagheremo noi i 22,50 euro per il rinnovo del documento di riconoscimento".

"Disperato perché non poteva più prendere il reddito"

L'uomo si era recato giovedì all'anagrafe municipale per chiedere aiuto. "Ho sentito le sue urla disperate – racconta Restaino – Sono entrato e ho visto questo ragazzo angosciato, risultato poi un senza fissa dimora, disperato perché non aveva i 22,50 euro per rinnovare la carta d'identità. Mi ha raccontato che gli serviva disperatamente perché percepiva il RDC ma che purtroppo, per colpa di qualche balordo criminale, non riesce più a prenderlo perché, mentre dormiva per strada, gli hanno rubato cellulare, carta del RDC e tutti i documenti".

"Vedendo una scena cosi triste – prosegue Restaino – mi sono offerto volontario per pagargli il rinnovo. Però poi purtroppo, non avendo una dimora (prima era in affitto, poi sfrattato), residenza o domicilio stabile (dato che si sposta continuamente) come per esempio, l’abitazione di un parente, il bar dove si reca tutte le mattine o, ancora, un ufficio postale nel quale ha una casella personale, non ha potuto averla. Ma gli abbiamo dato tutti gli elementi necessari allo svolgimento degli accertamenti, atti a stabilire l’effettiva sussistenza del domicilio cosi da fargliela avere. Ho chiesto all'ufficio anagrafe di farmi sapere quando ritornerà così che possa poi pagargliela io con la mia carta. Come si dice? Hai un caffè pagato, in questo caso una carta pagata ma di vitale importanza. Scrivo questo post perché credo fortemente che l'osservazione di comportamenti positivi altrui possa creare esperienza, formazione e possa aiutarci a coltivare gentilezza".

4.876 CONDIVISIONI
Falsi acquisti in macelleria per intascare il Reddito di cittadinanza in contanti
Falsi acquisti in macelleria per intascare il Reddito di cittadinanza in contanti
Sulla scogliera di Bacoli c'è la risposta a chi è contro il reddito di cittadinanza
Sulla scogliera di Bacoli c'è la risposta a chi è contro il reddito di cittadinanza
Reddito di Cittadinanza, De Luca:
Reddito di Cittadinanza, De Luca: "500 euro in più ai lavoratori stagionali. Via il sussidio se rifiutano"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni