107 CONDIVISIONI
28 Novembre 2022
21:01

“Disse che il figlio del boss era bisessuale”: spari nell’auto per punire commerciante

Un commerciante di Ponticelli avrebbe diffuso la voce secondo cui il figlio del boss di Ponticelli era bisessuale; per punirlo gli avrebbero sparato nell’auto.
A cura di Nico Falco
107 CONDIVISIONI
Immagine di archivio
Immagine di archivio

Il gestore di un distributore di benzina di Ponticelli, vittima di estorsione, avrebbe diffuso la voce secondo cui il figlio del boss sarebbe bisessuale. E il clan avrebbe deciso di punire quel comportamento, recepito come un insulto, facendo sparare nell'automobile dell'uomo. A raccontarlo è il collaboratore di giustizia Tommaso Schisa, nel ricostruire il giro di estorsioni che faceva capo al clan Minichini-Schisa, tra i colpiti del blitz anticamorra da una sessantina di arresti messo a segno nella notte scorsa da Carabinieri e Polizia di Stato nella periferia orientale di Napoli.

"Disse che il figlio del boss era bisessuale": punito commerciante

La vicenda risalirebbe al 2018. In quel periodo, racconta il pentito, l'uomo versava 1.500 euro mensili al clan come tangente, ma veniva ulteriormente taglieggiato dal boss che a lui si rivolgeva per ottenere beni o denaro al di fuori della quota. La vittima avrebbe quindi chiesto aiuto a Schisa, che avrebbe fatto da intermediario ottenendo che quelle richieste cessassero. Poi, però, l'uomo si sarebbe vantato pubblicamente di quel trattamento di favore e avrebbe detto in giro che Michele Minichini, alias Tiger, sarebbe bisessuale. Voce che arrivò all'orecchio del padre.

"Alfredo voleva soddisfazione – racconta Schisa – volli occuparmene personalmente per evitare che gli facessero male". Avrebbe incaricato un ragazzo dei Quartieri Spagnoli e un amico di quest'ultimo di spaventarlo. Avrebbe quindi organizzato una partita a carte in casa sua e al termine avrebbe avvisato i due ragazzi, che avrebbero quindi intercettato il commerciante mentre stava tornando a casa e avrebbero sparato nella sua automobile.

107 CONDIVISIONI
"Il figlio del boss Ligato mi controllava col drone quando smisi di pagare la tangente"
Napoli, su Tik Tok in vendita il giaccone come quello del boss:
Napoli, su Tik Tok in vendita il giaccone come quello del boss: "È Matteo Messina Denaro style"
Anche la Madonna doveva inchinarsi ai boss Andretta: arrestati padre e figlio ad Acerra
Anche la Madonna doveva inchinarsi ai boss Andretta: arrestati padre e figlio ad Acerra
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni