Diego Armando Maradona junior, figlio dell'ex calciatore argentino morto mercoledì 25 novembre all'età di 60 anni, è stato dimesso dall'ospedale infettivologico Cotugno di Napoli dove era ricoverato per Covid-19.

A quanto apprende Fanpage.it subito dopo appresa la notizia del decesso del padre dai media argentini, Diego jr. ha rapidamente svolto tutte le procedure burocratiche obbligatorie in un ospedale per uscire il prima possibile. Fonti riferiscono che avrebbe espresso la volontà di andare ai funerali del padre in Argentina ma non è chiaro se ciò sarà possibile.

Il 34enne napoletano ha appena affrontato il Coronavirus da sintomatico tanto che ha dovuto far ricorso a cure ospedaliere. Come sappiamo il Covid debilita molto fisicamente e il giovane avrebbe necessità di giorni di convalescenza per tornare nel pieno delle forze. La moglie del giovane ha su Instagram invitato tutti i giornalisti a stare lontani e non intasare il telefono: «Stiamo cercando di metabolizzare la notizia».

Diego, 34 anni, figlio dell'ormai compianto numero 10 del Napoli e di Cristiana Sinagra, dopo una carriera da calciatore ha intrapreso quella di giocatore di beach soccer. È sposato e ha due figli. Forte somiglianza col padre da giovane , Diego Maradona Sinagra è stato fin da piccolo abituato ad essere sotto i riflettori. Motivo? Nato nel 1986, ha atteso il 2008 prima che il padre riconoscesse ufficialmente la paternità dopo la relazione con la Sinagra.

Negli anni Novanta i due furono protagonisti di uno scontro sui media che ovviamente si fiondarono sulla notizia della relazione fra il più grande calciatore del mondo e una giovane napoletana. Cristina Sinagra combatté a lungo per far valere i diritti del figlio.  Il tribunale di Napoli riconobbe la paternità nel 1993, ma il giovane riuscì a incontrare il padre la prima volta solo nel 2003, durante un torneo di golf a Fiuggi. Successivamente le cose andarono meglio: le posizioni si ‘addolcirono' e i due iniziarono a incontrarsi e sentirsi più di frequente.