815 CONDIVISIONI
Opinioni
Covid 19
20 Aprile 2022
12:21

De Luca vuole mantenere le mascherine ai ristoranti in estate, Campania pronta all’ordinanza

De Luca e la mascherina obbligatoria per chi serve ai tavoli o lavora in cucina: “Prudenza altrimenti ci divertiamo due mesi e a ottobre dobbiamo richiudere tutto”.
815 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Vincenzo De Luca come al solito sul fronte Covid-19 è in controtendenza rispetto alle direttive nazionali. E anche stavolta la linea del presidente della Regione Campania è differente da quella del governo nazionale. Stavolta l'argomento del contendere è l'obbligo di mascherine nei locali al chiuso. Un obbligo sempre più difficile da far rispettare – basta andare in giro a Napoli per rendersene conto – e che dovrebbe sparire definitivamente con l'arrivo dell'estate.

Ma probabilmente non in Campania, dove la Regione pensa ad una ordinanza ad hoc per chi opera nella ristorazione, chi serve ai tavoli o lavora in cucina. A spiegarlo è proprio De Luca a margine di una visita all'ospedale Ascalesi di Napoli:

Credo che  tutti quelli che lavorano nelle strutture al chiuso, a cominciare dai ristoranti, debbano mantenere la mascherina. Chi serve ai tavoli o lavora in cucina, almeno quelli devono indossare la mascherina. Stiamo verificando se fare qualche ordinanza regionale più restrittiva, ma al di là delle ordinanze la mascherina serve a tutelare la nostra vita e la vita dei nostri familiari.
Quando passeggiate per una via commerciale è chiaro che l'assembramento c'è, mettiamo in conto che d'estate tutti vogliamo respirare un po' di più, ci sarà un rimescolamento sociale, c'è una ripresa fortissima del turismo, abbiamo Procida Capitale, è evidente che ci saranno contatti con centinaia di migliaia di persone che arriveranno a Napoli e in Campania. L'uso della mascherina sempre è la cosa più efficace, un piccolo sacrificio per tutelarci anche rispetto alle varianti.

Per il presidente della giunta regionale la linea prudenziale dovrebbe aiutare a scongiurare eventuali recrudescenze del virus: «Un Cina hanno messo in quarantena 25 milioni di cittadini di Shangai, a Philadelphia hanno ripreso misure restrittive perché hanno registrato una diffusione di varianti estremamente pericolose. Nessuna drammatizzazione – ha concluso – ma teniamo i piedi per terra altrimenti ci divertiamo per due mesi e a ottobre dobbiamo richiudere tutto e io vorrei evitare questo andirivieni. Un po' di prudenza, niente di eccezionale».

815 CONDIVISIONI
Giornalista professionista, capo servizio di Napoli a Fanpage.it. Insegna Etica e deontologia del giornalismo alla LUMSA. Ha un podcast che si chiama "Saluti da Napoli". È co-autore dei libri Il Casalese (Edizioni Cento Autori, 2011); Novantadue (Castelvecchi, 2012), Le mani nella città e L'Invisibile (Round Robin, 2013-2014). Ha vinto il Premio giornalistico Giancarlo Siani nel 2007 e i premi Paolo Giuntella e Marcello Torre nel 2012.
31395 contenuti su questa storia
Il ministero della Salute ha chiesto alle Regioni di aumentare i posti letto Covid negli ospedali
Il ministero della Salute ha chiesto alle Regioni di aumentare i posti letto Covid negli ospedali
Le mete turistiche dove l'ondata Covid-19 può rovinarti la vacanza
Le mete turistiche dove l'ondata Covid-19 può rovinarti la vacanza
Salmaso:
Salmaso: "Nuove restrizioni Covid? Tutto dipenderà dai vaccini che arriveranno in autunno"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni