125 CONDIVISIONI
Elezioni amministrative Napoli 2021
17 Maggio 2021
19:49

Comunali di Napoli, accordo fatto M5S-Pd: “Questa settimana annunciamo il candidato”

Siglato il patto definitivo tra dem e grillini per le elezioni comunali del prossimo settembre, Napoli diventa il laboratorio dell’alleanza Pd-M5S a livello nazionale. Sarà l’unica città dove certamente le due principali forze di governo correranno insieme. Sarracino (Pd): “Pagina storica, speriamo di annunciare il candidato questa settimana”. Amitrano (M5S): “Vogliamo allargare ulteriormente l’alleanza, Manfredi nome di alto profilo”.
A cura di Antonio Musella
125 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

Nonostante più di una forza politica della stessa coalizione remasse in senso opposto, il Partito Democratico ed il Movimento 5 Stelle hanno siglato l'alleanza che li vedrà insieme alle elezioni comunali di Napoli del prossimo autunno. In un bar di Posillipo le due principali forze che sostengono il governo Draghi hanno siglato il patto per la corsa a Palazzo San Giacomo. Presenti da un lato per il Pd il segretario Marco Sarracino, il presidente Paolo Mancuso e la segretaria dei giovani democratici Ilaria Esposito, dall'altro per i grillini i parlamentari Alessandro Amitrano, Gilda Sportiello, Luigi Iovino e i consiglieri di municipalità Lorenzo Iorio e Fabio Greco.

Sarracino (Pd): "L'alleanza era il primo obiettivo, il candidato entro la settimana"

Chi aveva scommesso da subito in un'alleanza con il Movimento 5 Stelle era proprio il segretario metropolitano dei dem Marco Sarracino. "È stato un incontro molto proficuo – spiega a Fanpage.it – siamo nelle condizioni di presentarci in maniera unitaria e questa è una grande novità politica rispetto agli ultimi dieci anni. Oggi abbiamo discusso delle priorità di cui Napoli ha bisogno: dalla lotta alle diseguaglianze alle politiche di sviluppo in chiave ecosostenibile, dal miglioramento dei servizi minimi essenziali alla mobilitazione contro la camorra". I rapporti tra le due parti politiche in città hanno avuto momenti di grandissima contrapposizione ma, dopo l'esperienza del governo Conte 2, anche a Napoli gli animi si sono rasserenati. Un caso per ora unico, visto che sulle altre grandi città da Roma a Torino, da Milano a Bologna, Pd e Movimento 5 Stelle restano su binari diversi e talvolta addirittura contrapposti, in particolar modo a Roma.

"Vogliamo scrivere una nuova pagina per Napoli e avere una alleanza larga e coesa – sottolinea Sarracino – dal Movimento 5 Stelle alle forze che hanno vinto con noi le elezioni regionali. Questa alleanza era il primo e più importante obiettivo che si era posto il nuovo gruppo dirigente del Pd a Napoli". Si conferma dunque la "corazzata" che vedrà nella stessa coalizione Pd, M5S, Italia Viva e le numerosissime liste che faranno riferimento al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca. C'è chi dice che saranno 18, chi addirittura azzarda il numero di 20 liste. Sul candidato Sindaco ormai non c'è più tempo da perdere ed anche la lunga attesa a cui è stato sottoposto Gaetano Manfredi, in pole position per la nomination a candidato unico della "super coalizione", ha spazientito non poco l'ex Ministro dell'Università e presidente della conferenza dei rettori italiani. "Annunceremo il candidato entro questa settimana" precisa Sarracino. D'altronde difficile immaginarsi tempi (ancora) lunghi.

Amitrano (M5S) " Stima per Manfredi, Napoli sia laboratorio dell'alleanza"

Tra gli sherpa grillini che hanno lavorato in questi mesi all'alleanza per le elezioni comunali di Napoli con il Pd e con il resto del centrosinistra, Alessandro Amitrano, deputato napoletano, che ha seguito le trattative sin dal primo momento. "Abbiamo iniziato a ragionare sui progetti che ci immaginiamo per Napoli – spiega a Fanpage.it – vogliamo che Napoli sia il laboratorio di questa alleanza che è nata con il governo Conte 2, ma vogliamo anche che si allarghi ulteriormente perché Napoli ha bisogno davvero delle migliori energie per riprendersi dallo stallo in cui è caduta".

Tramontata l'ipotesi di una candidatura di Roberto Fico, giunti ormai a meno di 15 giorni dall'inizio del semestre bianco che precede l'elezione del Presidente della Repubblica, i grillini non hanno fatto venire meno la loro disponibilità per conquistare Palazzo San Giacomo dopo 5 anni di opposizione a Luigi de Magistris. D'altronde anche da parte del Movimento 5 Stelle il disgelo verso il Pd era iniziato da tempo, già con la nomina di Valeria Ciarambino a vice presidente del Consiglio Regionale della Campania, proprio in casa di Vincenzo De Luca.

Fatta l'alleanza il tempo stringe per l'ufficializzazione del candidato, e lo sanno bene anche i pentastellati: "Noi stiamo lavorando per annunciare il candidato in brevissimo tempo – sottolinea Amitrano – Manfredi è sicuramente un nome di alto profilo, è stato anche un Ministro che come Movimento 5 Stelle abbiamo sostenuto, quindi non vedo alcun tipo di problema, lui, come altri che sono stati fatti in questi mesi, sono tutti nomi di grandissimo spessore per la città". A meno di clamorosi colpi di scena dunque, nei prossimi giorni la candidatura di Gaetano Manfredi dovrebbe essere annunciata ufficialmente. La campagna elettorale per il Comune di Napoli sta per entrare nel vivo.

125 CONDIVISIONI
250 contenuti su questa storia
Vigili urbani di Napoli per Manfredi, ora Maresca attacca: "È continuità con De Magistris"
Vigili urbani di Napoli per Manfredi, ora Maresca attacca: "È continuità con De Magistris"
De Magistris sta per andare via ma non ha presentato il report di fine mandato con le cose realizzate
De Magistris sta per andare via ma non ha presentato il report di fine mandato con le cose realizzate
Così il principale sindacato dei vigili urbani di Napoli è passato da De Magistris a Manfredi e si organizza su Whatsapp
Così il principale sindacato dei vigili urbani di Napoli è passato da De Magistris a Manfredi e si organizza su Whatsapp
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni