“No ad un nuovo lockdown dei negozi in Campania. Ci ucciderebbe”. A lanciare l'allarme è la Confcommercio, con una lettera indirizzata al Governatore Vincenzo De Luca, firmata dai tre presidenti delle associazioni di Napoli, Caserta e Salerno Carla Della Corte, Lucio Sindaco e Giuseppe Gagliano. Già messi in ginocchio dalla serrata forzata per Covid19 di marzo, aprile e maggio, gli esercenti hanno stretto i denti quest'anno per cercare di non chiudere i battenti. Un nuovo blocco delle attività, prospettato dal presidente della Regione nel caso i contagi dovessero aumentare nei prossimi giorni, potrebbe portare al collasso il comparto, con la chiusura definitiva di centinaia di attività. “Un secondo lockdown – afferma Confcommercio Campania – è un'ipotesi che va assolutamente scongiurata. Le serrate di marzo, i ritardi nell'erogazione degli ammortizzatori sociali, le difficoltà per ottenere prestiti dalle banche hanno segnato infatti in modo incontrovertibile il destino economico di tante famiglie e messo in ginocchio migliaia di attività che ora guardano con forte preoccupazione alle misure paventate dalla Regione”.

Confcommercio Campania: “Pronti alle proteste”

Contro un secondo lockdown in Campania, i commercianti sono pronti a issare le barricate. “Siamo pronti alla mobilitazione generale – scrivono – se il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca dovesse confermare la decisione di chiudere nuovamente le attività commerciali. Un provvedimento che Confcommercio Campania riterrebbe inaccettabile e per questo chiede con urgenza un incontro in Regione. Le dichiarazioni del presidente De Luca su nuove possibili chiusure delle attività commerciali per arginare il diffondersi dell'epidemia di contagi da Covid-19 stanno generando non poche ansie tra gli operatori del settore che temono gli effetti nefasti di un secondo lockdown”.

“Pur condividendo la necessità di una politica di rigore – aggiungono – nell'utilizzo dei dispositivi di protezione individuale e del distanziamento sociale, riteniamo che una possibile nuova chiusura sia da evitare perché innescherebbe effetti devastanti sull'economia della regione e in particolare sul commercio, sul turismo e sui servizi. Non si possono infatti penalizzare attività già duramente provate che rischierebbero questa volta di non sopravvivere. Auspichiamo pertanto che l'ipotesi di un nuovo lockdown non venga assolutamente presa in considerazione e, nel caso in cui le condizioni sanitarie dovessero renderlo inevitabile, bisognerà trovare strumenti di compensazione economica adeguati ad evitare un'altra ecatombe economica per le aziende. Sarebbe inaccettabile scaricare ancora una volta sugli imprenditori i costi della pandemia”.

Subito un tavolo di confronto su tamponi e controlli

“Bisogna istituire un tavolo permanente per monitorare il settore e condividere le scelte da adottare rispetto a quei provvedimenti che impatterebbero negativamente sui consumi già fortemente indeboliti . Attendiamo una convocazione in Regione prima dell'adozione di qualsiasi decisione per un confronto costruttivo sulle modalità e i tempi di intervento, ma anche per affrontare insieme una serie di questioni di primaria importanza quali la necessità di tempi di risposta più brevi dalle Asl in merito ai risultati dei tamponi”. “Inaccettabile che un imprenditore, potenzialmente a rischio perché in contatto con un contagiato, debba attendere anche tre giorni per l'esito dell'esame con tutte le conseguenze che ne derivano per l'attività aziendale. Ventiquattro ore, questo il termine massimo entro il quale l'azienda sanitaria dovrebbe, a nostro avviso, comunicare il responso del tampone”.

“Vanno intensificati e potenziati i controlli delle forze dell'ordine su tutto il territorio regionale per garantire il rispetto delle misure anti Covid: dall'utilizzo delle mascherine al divieto degli assembramenti. Invitiamo infine anche i nostri iscritti al senso di responsabilità. Gli imprenditori devono dare l'esempio ed essere rigorosi nella gestione delle attività assicurando gli interventi di sanificazione dei locali, adottando tutte le misure utili a garantire il distanziamento e monitorando i clienti affinché tutti indossino la mascherina”.