130 CONDIVISIONI
21 Novembre 2022
10:06

Casalesi, il boss appena scarcerato convoca imprenditori e creditori per avere appalti e soldi: arrestato

Di nuovo in carcere Nicola Schiavone, nipote di Sandokan; in manette anche il braccio destro del boss: le accuse sono di associazione di tipo mafioso, fittizia intestazione di beni, riciclaggio ed autoriciclaggio.
A cura di Valerio Papadia
130 CONDIVISIONI

Una articolata attività investigativa della Direzione distrettuale antimafia di Napoli ha portato all'arresto, nella mattinata odierna, di Nicola Schiavone, 44 anni, nipote di Francesco, detto "Sandokan", storico boss del clan dei Casalesi; in manette anche Alessandro Ucciero, considerato il braccio destro di Schiavone: le accuse nei confronti dei due indagati, raggiunti da una ordinanza di custodia cautelare in carcere, sono quelle di associazione di tipo mafioso, fittizia intestazione di beni, riciclaggio ed autoriciclaggio, questi ultimi aggravati da finalità e modalità mafiose. Si precisa che i due destinatari sono persone sottoposte alle indagini e, quindi, presunte innocenti fino a sentenza definitiva.

Nicola Schiavone annunciò la sua scarcerazione con una telefonata alla stampa

Scarcerato nel 2019, Nicola Schiavone, secondo gli inquirenti, annunciò il suo ritorno nel Casertano da uomo libero con una telefonata anonima alla stampa. Le indagini della Dda hanno permesso di ricostruire che, proprio una volta uscito dal carcere, Schiavone ha convocato imprenditori considerati legati al clan da un accordo economico, per ottenere appalti o forniture di materiali edili; convocati anche coloro che, nel tempo, avevano usufruito di somme di denaro prestate dal clan, per ottenerne la restituzione.

Le indagini hanno permesso di ricondurre a Schiavone anche una società attiva nel settore degli appalti pubblici, fittiziamente intestata a un prestanome.

130 CONDIVISIONI
Appalti del Comune del Casertano alle aziende dei Casalesi, assolti tutti gli imputati
Appalti del Comune del Casertano alle aziende dei Casalesi, assolti tutti gli imputati
Il boss Ciccarelli scarcerato: al Parco Verde i fuochi d'artificio per festeggiare i domiciliari
Il boss Ciccarelli scarcerato: al Parco Verde i fuochi d'artificio per festeggiare i domiciliari
Coi soldi dei buoni fruttiferi il boss riciclava il denaro del clan D'Amico nei carburanti
Coi soldi dei buoni fruttiferi il boss riciclava il denaro del clan D'Amico nei carburanti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni