Covid 19
3 Settembre 2021
18:13

Campo rom di Giugliano, 35 positivi al Covid su 270 tamponi

Dopo il caso di covid-19 registrato ieri, nel campo rom di Giugliano è partito lo screening: 270 i tamponi effettuati su 452 ospiti censiti, 35 i nuovi contagi. Nella famiglia del ricoverato, di otto persone, sono tutti positivi. De Luca, in diretta su Facebook: “Non tantissimi, ma bisogna stare attenti”.
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Su 452 ospiti totali e 270 tamponi effettuati ci sono 35 nuovi casi di coronavirus. È il risultato dello screening al campo rom in via Carrafiello a Giugliano, dopo la positività di un residente registrata il 31 agosto. Nella sua famiglia, composta da 8 persone, sono tutti positivi e già in isolamento.

Sulla questione, l'Asl Napoli 2 nord aveva già lanciato l'allarme nei giorni scorsi: «Nel campo – si leggeva ieri in una nota – sono insediati 70 nuclei familiari, che vivono stretti rapporti interpersonali in condizioni di precarietà igienico-sanitaria». Tra questi, tuttavia, non tutti hanno deciso di fare il test.

Il campo confinato fino al 15 settembre

La Regione Campania ha già predisposto una zona rossa, in vigore – salvo proroghe – fino al 15 settembre: isolamento dei positivi e quarantena per tutti gli occupanti dell'area, giudicati come contatti stretti, oltre a mobilità limitata in entrata e in uscita. Il comune di Giugliano ha già assicurato assistenza per chi si troverà in difficoltà, con la distribuzione di generi alimentari e di prima necessità.

De Luca polemizza sul Reddito di Cittadinanza

Tra gli abitanti del campo, ci sono anche 20 percettori del reddito di cittadinanza, censiti come residenti stabili. E il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca approfitta per polemizzare su quest'aspetto (sono note le sue invettive contro la misura di sostegno al reddito: «Le mie congratulazioni a questi giovanotti – ha commentato il presidente della Regione De Luca in una diretta su Facebook – li invito tutti a fare il tampone e non andarsene in giro per il mondo prima di avere accertato le proprie condizioni sanitarie». Continua De Luca: "I nuovi casi non sono tantissimi, ma vanno tenuti sotto controllo. Vanno individuati eventuali altri positivi per evitare che diffondano il contagio".

29723 contenuti su questa storia
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni