830 CONDIVISIONI
Elezioni amministrative Napoli 2021
31 Agosto 2021
12:26

Così i baretti ai Quartieri Spagnoli hanno reso impossibile la vita dei residenti: la lettera

L’amara lettera-sfogo di un residente ai Quartieri Spagnoli di Napoli raconta come la zona sia diventata invivibile a causa dei localini che non rispettano spazi, orari né regole. “Persiste una scriteriata e prepotente occupazione di suolo pubblico. Persino nei piani alti la musica è assordante e tambureggiante. Fino a notte fonda. Tutti i giorni che Cristo manda in terra. Non c’è pace, non c’è pausa. Non c’è rispetto per chi studia, per chi lavora, per chi è infermo”.
A cura di Redazione Napoli
830 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Elezioni amministrative Napoli 2021

È uno sfogo preoccupato e arrabbiato, quello contenuto nella lettera di un residente dei Quartieri Spagnoli (che prega di non rendere note le sue generalità) che racconta il calo verticale del livello minimo di vivibilità per chi ha scelto di abitare in zona. La rinascita dei locali notturni è avvenuta in spregio ad ogni norma di buon senso, di occupazione del suolo pubblico e di rispetto della quiete negli orari notturni. Chi vive ai Quartieri – e sono tanti – è disperato. Molti hanno deciso anche di cambiare zona.

Dunque riceviamo e volentieri pubblichiamo.

Faccio due premesse, indispensabili. Sono stato giovane (in tempi recenti) e ho due figli giovani. Dunque, so dare il giusto peso al concetto di “divertimento”. E in secondo luogo: che nel quartiere dove abito (Montecalvario, Quartieri Spagnoli) fioriscano attività di ristorazione o commerciali è un processo che ho sempre auspicato ritenendolo un primo, decisivo, passo verso la "bonifica ambientale" del territorio.

Detto ció ora lasciatemi sfogare.

Quello che va in onda tutti i giorni nel reticolo di strade che da Vico Due Porte A Toledo va a Vico Teatro Nuovo passando per Vico Tre Regine, è uno spettacolo indegno e vergognoso.

Uno scempio della legalità e del vivere civile.

Nel corso dell’ultimo anno solare nella zona indicata hanno aperto ben tre spritz bar consecutivi. In pratica dove finisce uno comincia l’altro. Con l’abbandono del coprifuoco e l’ingresso nella zona bianca la situazione è presto deflagrata fino ad assumere i contorni attuali. Pessimi, per tre motivi che paiono lampanti. A tutti meno che alle Autorità e alle Forze dell’Ordine.

Primo aspetto: incoraggiati da una delibera comunale che ha autorizzato il gratuita utilizzo dello spazio pubblico antistante il locale (sebbene immagino con dei limiti…), questi tre esercizi hanno ritenuto di occupare invece interamente le loro rispettive sede stradali. Di fatto ora qui, a partire dalle 17 circa, è tutta un’unica zona pedonale costellata di sedie e tavolini. Sebbene ovviamente non risultino provvedimenti ufficiali del Comune.

Ergo: se un residente vuole arrivare fin sotto il portone di casa propria, come è suo diritto, per scaricare un mobile o far salire in auto una persona anziana o disabile… questo non è tecnicamente possibile. Non più. E se ci fosse bisogno di un’ambulanza? Assurdo. Immaginate cosa potrebbe succedere se una nota pizzeria, dico per dire, di via Martucci o di via Cilea decidesse di mettere tutti i propri tavolini in strada e bloccare il traffico. Non gli sarebbe concesso nemmeno per dieci minuti. Qui invece va avanti così da un anno.

Eppure, a termini di legge, la questione è assolutamente identica. Dunque persiste una scriteriata e prepotente occupazione di suolo pubblico. Per inciso, senza alcun criterio, nemmeno proporzionale giacché siamo comunque al cospetto di localini aventi una cubatura interna assai risibile.

In secondo luogo c’è “l’aspetto Covid”. La miriade di tavolini appena descritta non rispetta alcuna distanza di sicurezza. D’altronde se lo facessero ne potrebbero mettere 10 e non i 100 che invece hanno invaso ogni centimetro disponibile. Questo fa sì che negli orari di punta l’assembramento che si crea è inaccettabile e indegno delle normative vigenti. Sono tutti senza mascherina e tutti uno addosso all’altro. E molti di questi ragazzi sono quelli che l’indomani andranno a scuola, occuperanno aule, useranno mezzi pubblici.

I numeri dei contagiati sono in risalita. Forte. E specialmente nella fascia degli under 30. Mi chiedo: dove credete che si contagino? Nei cinema? Che senso ha che io debba indossare una mascherina lungo via Toledo, mentre cammino da solo e vado a fare la spesa, se poi rincasando sono costretto a fendere centinaia di persone ammassate e prive dei dispositivi di sicurezza? Aggiungo, per completezza d’informazione, che in Campania vige pure una specifica ordinanza di De Luca che vieta il consumo da asporto di alcolici nei pressi dei luoghi di acquisto… Una prescrizione forse ben congegnata, se solo qualcuno la facesse rispettare… Ma pare che a nessuno importi.

Infine l’aspetto peggiore, quello che sta rendendo la zona una bomba ad orologeria. La musica. Perché a questi esercenti non bastano tutte le violazioni suddette. A differenza di altri luoghi della città, dove pure insistono i locali della movida (via Aniello Falcone, via Cavallerizza a Chiaia…), qui impazza pure l’ambizione di trasformare il tutto in una vibrante discoteca a cielo aperto. Altoparlanti enormi messi qua e là hanno trasformato la zona in una sorta di grande Papeete ma, soprattutto, hanno reso la vita dei residenti un autentico inferno.

Persino nei piani alti la musica è assordante e tambureggiante. Fino a notte fonda. Tutti i giorni che Cristo manda in terra. Non c’è pace, non c’è pausa. Non c’è rispetto per chi studia, per chi lavora, per chi è infermo

er chi semplicemente ha diritto ad un livello di inquinamento acustico accettabile. Cosa che in vicoli stretti come questi già sarebbe tutta da verificare se ci fosse solo il frastuono del vociare di centinaia di ragazzi “allegri”… Figuriamoci allora con l’accompagnamento di diffusori potentissimi…

Ora sarebbe bello verificare cosa potrebbe mai succedere se con altoparlanti del genere mi mettessi io una mezza serata sotto casa del sindaco. O nel bel mezzo di piazza Vanvitelli. Vorrei proprio vedere quanto durerei prima di essere tradotto in Questura. Vorrei proprio vedere se le Forze dell’Ordine intervenienti mi tirerebbero solo le orecchie o no. E il giorno dopo? E quello dopo ancora? Come residenti abbiamo istituito un comitato, abbiamo presentato esposti, chiamiamo tutti i giorni incessantemente il 112 e il 113. E le telefonate, registrate, sono lì a testimoniarlo. Ma niente.

Spesso la Polizia e i Carabinieri giungono sul posto, fanno una ramanzina ma mezz'ora dop,o il delirio riparte. Più forte, più sprezzante, più impunito di prima. Una bolgia dantesca. Noi, insomma, non abbiamo diritti. Eppure paghiamo le tasse. Eppure votiamo Eppure siamo tanti.

C’è qualcuno – mi domando – che può farsi responsabilmente e seriamente carico di questa vicenda? Un magistrato illuminato? Un prefetto efficiente? Un sindaco coscienzioso? Sarebbe bello.

830 CONDIVISIONI
402 contenuti su questa storia
Gaetano Manfredi, per Napoli una giunta di compromesso. E senza giovani
Gaetano Manfredi, per Napoli una giunta di compromesso. E senza giovani
Napoli, Manfredi presenta la nuova giunta: al lavoro subito su rifiuti, vigili e galleria chiusa
Napoli, Manfredi presenta la nuova giunta: al lavoro subito su rifiuti, vigili e galleria chiusa
I bambini intervistano i presidenti delle Municipalità: per loro spazi verdi e luoghi di aggregazione
I bambini intervistano i presidenti delle Municipalità: per loro spazi verdi e luoghi di aggregazione
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni