• Hai nuove notifiche!
Trammamuro, scarfachiuovo e arrocchiampapene: le parole intraducibili del dialetto napoletano
“Scetavajasse”, “putipù” e “triccheballacche”: gli strumenti musicali nel dialetto napoletano
‘O i’ lloco, ‘o i’ llanno e ‘o i’ canno: perché nel dialetto napoletano si dice così?
La “ciardona” del dialetto napoletano? Deriva dall’ungherese, e da una danza popolare
“Mazz’ e panell’ fanne ‘e figli bell”: l’antica origine del celebre proverbio napoletano
Ferdinando Sanfelice: l’architetto soprannominato “levat’a’sott” che costruì il volto barocco di Napoli
Perché il “carusiello” si chiama così? L’origine e il significato della parola nel dialetto napoletano
Chiesa dei Santi Filippo e Giacomo: l’antico tempio dell’arte della seta nel cuore di Napoli