100 CONDIVISIONI
17 Giugno 2021
15:19

Rubano un’ambulanza a Napoli per soccorrere un amico, arrestati

Due 31enni, incensurati, hanno rapinato un’ambulanza della Croce Rossa a San Giovanni a Teduccio, Napoli est, per un soccorso fai da te: ritenevano che i soccorsi fossero in ritardo e così hanno minacciato il custode dell’autoparco e si sono fatti dare le chiavi per poi tornare dall’amico che stava male. Il mezzo di soccorso è stato recuperato dalla Polizia, che ha arrestato i due.
A cura di Nico Falco
100 CONDIVISIONI
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

In attesa dei soccorsi avrebbero raggiunto l'autoparco della Croce Rossa a San Giovanni a Teduccio, periferia orientale di Napoli, avrebbero chiesto al custode di mandare un mezzo e, alla risposta negativa, motivata dal fatto che non c'era personale in loco, avrebbero scavalcato i cancelli e ne avrebbero portato via uno.

Una storia assurda e dai contorni ancora da chiarire, quella avvenuta questa mattina a Napoli; i due uomini che hanno preso l'ambulanza sono stati arrestati; si tratta di due incensurati di 31 anni, sono accusati di rapina. In base alla ricostruzione tutto è partito con una chiamata dalla zona di via Marina, per un uomo che aveva accusato un malore. La centrale operativa del 118 aveva inviato sul posto una ambulanza ma i familiari ritenevano che stesse passando troppo tempo.

Così qualcuno ha deciso di provvedere da sé. Due amici, questa la ricostruzione, sono andati in scooter a San Giovanni a Teduccio, dove sono parcheggiati diversi mezzi della Croce Rossa, e hanno sollecitato il custode perché inviasse un'ambulanza. Si trattava, però, soltanto di un parcheggio: non c'era personale sanitario e non era quindi possibile esaudire la richiesta. A quel punto i due, come da loro riferito alle forze dell'ordine, hanno minacciato il custode, hanno preso un'ambulanza e sono tornati in via Marina dei Gigli, nella zona di Vigliena.

Nel frattempo sul posto erano arrivate ben due postazioni del 118 e, poco dopo, i sanitari hanno visto arrivare la terza, guidata da quello che non sembrava per nulla un operatore sanitario. A quel punto i due, rendendosi conto che i soccorsi erano sul posto, hanno abbandonato l'ambulanza per strada, dove poco dopo è stata recuperata dalla Polizia di Stato. Gli agenti della volante del commissariato San Giovanni – Barra hanno identificato i responsabili, due 31enni del posto, che sono stati arrestati per rapina in concorso ed è al vaglio degli inquirenti la posizione di altre cinque persone che avrebbero preso parte al raid.

"C'è sempre un fondo più profondo da toccare – commenta l'associazione Nessuno Tocchi Ippocrate – ed oggi lo abbiamo fatto. Siamo stanchi, siamo esausti, siamo impauriti. C'è ancora un forte ritardo nella installazione delle telecamere che potrebbero prevenire questi eventi. Chiediamo tutela al governo centrale e alla regione".

100 CONDIVISIONI
Violenza a Napoli, lo speronano e gli rubano lo scooter: 21enne in ospedale con numerose ferite
Violenza a Napoli, lo speronano e gli rubano lo scooter: 21enne in ospedale con numerose ferite
Disastro 118 a Napoli: sulle ambulanze mancano medici, infermieri e autisti, organico al 55%
Disastro 118 a Napoli: sulle ambulanze mancano medici, infermieri e autisti, organico al 55%
Rapinano un turista ai Quartieri Spagnoli ma perdono il cellulare, arrestati
Rapinano un turista ai Quartieri Spagnoli ma perdono il cellulare, arrestati
Lascia un commento!
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni