355 CONDIVISIONI
Covid 19
28 Novembre 2021
10:30

A San Gregorio Armeno tornano a suonare gli zampognari dopo un anno di stop per Covid

In via San Gregorio Armeno tornano a suonare gli zampognari tra la meraviglia di turisti e passanti.
A cura di Pierluigi Frattasi
355 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Covid 19

Tornano gli zampognari a San Gregorio Armeno dopo un anno di stop per Covid. I suonatori dello storico strumento a fiato nel tradizionale abito natalizio sono tornati a fare la loro comparsa nella strada dei presepi del centro storico di Napoli, tra la meraviglia di turisti e passanti. Gli zampognari, infatti, sono una figura tradizionale del Natale napoletano, generalmente girano in coppia per le strade della città, proprio nel periodo a ridosso delle feste ella Natività, in particolare durante il periodo della Novena dell'Immacolata Concezione e del Natale. Intonano i tradizionali canti natalizi, come "Tu scendi dalle stelle" di Sant'Alfonso Maria de' Liguori. A volte solo uno dei due suona la zampogna, mentre l'altro utilizza altri strumenti storici come la ciaramella. Sono facilmente riconoscibili dagli abiti tipici di pastori e contadini, con i quali si ritrovano anche sul presepe napoletano classico Settecentesco, spesso posizionati nelle vicinanze della grotta della Sacra Famiglia.

Quest'anno, dopo lo stop del 2020 per la pandemia del Coronavirus, il Comune di Napoli ha autorizzato la Fiera del Natale di San Gregorio Armeno, con un piano traffico ad hoc. L'ordinanza del sindaco Gaetano Manfredi prevede il senso unico pedonale a scendere verso via San Biagio dei Librai, per evitare affollamenti. In caso si assembramenti, poi, la strada sarà temporaneamente chiusa dalla polizia municipale, che farà defluire le persone prima di riaprirla in sicurezza. Tra le altre novità del 2021, le casette di legno tutte uguali dove saranno esposti presepi e pastori, in luogo delle vecchie bancarelle.

355 CONDIVISIONI
31635 contenuti su questa storia
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni