107 CONDIVISIONI
Trasporto pubblico a Napoli
2 Dicembre 2022
15:31

A Napoli traffico impazzito: code di auto con metro, bus e funicolari fermi per sciopero

Paralizzate via Salvator Rosa e la Zona Ospedaliera. Proteste dei cittadini a via Nazionale delle Puglie per la soppressione delle fermate della Linea 182.
A cura di Pierluigi Frattasi
107 CONDIVISIONI
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su
Trasporto pubblico a Napoli

Napoli paralizzata dal traffico oggi, venerdì 2 dicembre 2022, a causa dello sciopero generale di 24 ore dei trasporti pubblici proclamato dai sindacati di base, come Usb e Orsa, al quale si sono aggiunte anche le vertenze aziendali locali. In piazza anche la Uil trasporti. Il blocco dei mezzi ha costretto tantissimi cittadini a prendere l'auto. Alle ore 20,00 di oggi risultano ancora fermi metro Linea 1, Funicolari Centrale, Montesanto e Mergellina, mentre bus, tram e filobus viaggiano a scartamento ridotto.

Trasporti pubblici fermi a Napoli

Fermi a Napoli metropolitana Linea 1, funicolari Montesanto, Mergellina e Centrale, autobus, tram e filobus dell'Anm, ma anche Cumana e Circumvesuviana e metropolitana arancione (Piscinola – Aversa) gestite da Eav e la metro Linea 2, gestita da Rfi. Decine di corse cancellate dell'Alibus con lunghe code di turisti alle fermate. Sospeso il servizio di scale mobili e tapis roulant nelle stazioni.

Traffico impazzito in tutta la città

Circolazione bloccata questa mattina in diverse zone della città, come in via Salvator Rosa, dove si sono registrate code di auto e lunghissime attese. Situazione analoga anche nella zona ospedaliera. Contemporaneamente i cittadini della zona orientale hanno organizzato un presidio di protesta davanti al deposito dei bus di via Nazionale delle Puglie, per la soppressione di diverse fermate della Linea 182 che serviva lavoratori e studenti pendolari.

Orsa e Usb: “Massiccia adesione allo sciopero”

Sullo sciopero interviene il sindacato Orsa:

Lo sciopero nazionale e locale di 24 ore, dell'OR.S.A., in Campania ha avuto un'altissima adesione circa l'80% dei lavoratori del comparto trasporti, ha prodotto lo stop di tutti i servizi su ferro del Tpl, si sono fermate la linee ex circumvesuviana, cumana, circumflegrea, funicolari e linea 1, gran parte del servizio su gomma di Eav ed Anm è stato sospeso, con picchi di adesione del 95% come nel caso del deposito di Via delle Puglie e della Linea1.

Mentre l'Usb sottolinea la

Eccezionale partecipazione dei lavoratori allo sciopero generale di 24 ore proclamato dalla USB a livello nazionale e aziendale per chiedere di aumentare gli stipendi ed i livelli di sicurezza nei luoghi di lavoro, abbassare le bollette e le armi, migliorare le condizioni lavorative ed operative, adeguare il valore economico di alcune indennità ferme all'anno 1976 al reale costo della vita, ma anche garantire parità di trattamento tra tutti i dipendenti.

Proteste per la soppressione del bus 182

Protesta degli abitanti davanti al deposito Anm di via Nazionale delle Puglie a Napoli, contro la decisione dell'azienda di sopprimere la fermata del bus della linea 182, che arrivava a piazza Dante, usata da studenti e lavoratori pendolari. La linea oggi ferma a San Pietro a Patierno. "Questo ha creato un forte disagio per tutti i residenti", dicono i manifestanti. Gli abitanti hanno avviato una raccolta firme per riattivare la fermata.

(aggiornato alle ore 20,30)

107 CONDIVISIONI
Trasporto pubblico a Napoli
662 contenuti su questa storia
Metro Linea 1 rischio stop una volta a settimana se non si risolve la vertenza dei collaudatori
Metro Linea 1 rischio stop una volta a settimana se non si risolve la vertenza dei collaudatori
Incendio nella Galleria Vittoria, moto in fiamme: riaperta corsia via Arcoleo-Municipio dopo 4 ore
Incendio nella Galleria Vittoria, moto in fiamme: riaperta corsia via Arcoleo-Municipio dopo 4 ore
Galleria Vittoria riaperta e libera da impalcature, Cosenza:
Galleria Vittoria riaperta e libera da impalcature, Cosenza: "Il piano viabilità ha funzionato"
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni