Momenti di paura in una casa di Villa Guardia, in provincia di Como. Una ragazza di 17 anni durante la notte ha cercato, per motivi ancora sconosciuti, di aggredire il padre impugnando due coltelli. L'uomo ha cercato di proteggersi ma è rimasto ferito a una mano, mentre la figlia, in preda alla rabbia, avrebbe cercato di colpirlo ancora. La tragedia è stata sfiorata grazie all'arrivo dei soccorsi. Stando infatti a quanto riporta la polizia, il padre, insieme alla moglie e all'altra figlia, è riuscito a chiudersi in camere e a chiamare le forze dell’ordine.

La giovane poi si è rinchiusa in camera sua

Poco dopo sul posto sono intervenuti gli uomini del 118 e gli agenti della Questura di Como. I poliziotti hanno fatto irruzione in casa dove nel frattempo la 17enne si era chiusa a chiave in camera sua. Gli agenti, come riporta Qui Como, quindi hanno forzato la porta e sono riusciti a immobilizzarla. Il padre, invece, è stato soccorso e trasportato al pronto soccorso. Ora le forze dell'ordine sono al lavoro per capire l'esatta dinamica dell'accaduto e soprattutto cosa ha spinto la giovane ha commettere un gesto simile.

Lo scorso 6 gennaio un uomo ha accoltellato il fratello

Solo lo scorso 6 gennaio un 39enne era stato arrestato dai carabinieri della compagnia di Vimodrone con l'accusa di tentato omicidio: avrebbe colpito alla schiena il fratello 34enne ferendolo gravemente. L'uomo era stato trasportato in gravi condizioni all'ospedale San Raffaele di Milano dove le sue condizioni dopo le cure si sono migliorate. Sul posto erano intervenuti i militari  che, grazie a un lavoro congiunto con il Radiomobile e gli uomini della Tenenza di Cologno Monzese, erano riusciti a individuare e arrestare il 39enne diverse ore dopo, intorno alle 6 del mattino. Si era nascosto in un capannone in disuso. L'uomo, senza fissa dimora, nullafacente, pregiudicato per maltrattamenti in famiglia e lesioni, era stato poi accompagnato in carcere a Monza con l'accusa di tentato omicidio.