3 Maggio 2022
17:00

Truffavano donne sole e malate: in due anni colpite 433 vittime per un giro d’affari di 5 milioni

Truffavano donne sole e malate. La banda con sede a Savona ha fatto in due anni 433 vittime. Un giro d’affari di oltre 5 milioni di euro che poi giravano in Nigeria.
A cura di Enrico Spaccini
Immagine di repertorio
Immagine di repertorio

In due anni hanno truffato 433 donne convincendole a sborsare fino a duecentomila euro. Una banda nigeriana è stata sgominata all'alba del 3 maggio con un blitz dai carabinieri di Savona. Avevano messo in piedi un giro d'affari di oltre 5 milioni di euro, colpendo in varie provincie italiane (comprese Milano, Bergamo, Lecco e Varese) e anche all'estero. Il giudice per le indagini preliminari ha emesso 19 misure cautelari per associazione per delinquere finalizzata alla truffa e al riciclaggio internazionale di denaro e altre dieci non restrittive della libertà.

Vittime tutte donne sole selezionate con attenzione

Le truffe venivano preparate tra il 2019 e il 2021 in Italia, ma anche in Nigeria e in altri Paesi. Le vittime venivano selezionate secondo dei criteri semplici, ma necessari: donne sole, meglio se malate e psicologicamente fragili. Il requisito fondamentale era che fossero vulnerabili, l'età invece poteva variare dai 25 agli 80 anni. Individuato il soggetto, non rimaneva altro che scegliere in che modo truffarlo: se con il metodo della truffa sentimentale (o internet romance scam) o con quello chiamato "man in the middle". Nel primo caso, i truffatori si fingevano persone importanti o professionisti di alto livello, come medici, imprenditori e cantanti. Attraverso i social, riuscivano a instaurare un rapporto con la vittima facendo leva sulla pietà e la compassione. In questo modo, riuscivano a farsi mandare ripetute donazioni di denaro.

Il "man in the middle" e i trasferimenti del denaro in Nigeria

Il secondo metodo, il "man in the middle", consiste nel violare i canali di comunicazione di un'azienda. Così facendo, si sostituivano ad essa in modo da dirottare i pagamenti delle vittime verso i propri conti correnti. I truffatori riuscivano a entrare nei siti delle aziende attraverso la posta elettronica, grazie a email di phishing (ottenendo così dati e credenziali) o vari malware. Il denaro ottenuto con uno o l'altro stratagemma, veniva poi trasferito ad alcuni componenti della banda a Savona. Tutti nigeriani richiedenti asilo politico, perlopiù disoccupati senza alcun reddito lavorativo e in tre casi beneficiari del reddito di cittadinanza. Le somme venivano poi versate su conti correnti che poi trasferivano tutto in Nigeria, ovviamente trattenendo per sé una percentuale del bottino.

Torna dal funerale della compagna e viene preso a pugni dalla famiglia di lei
Torna dal funerale della compagna e viene preso a pugni dalla famiglia di lei
Due uomini travolti e uccisi sulla Tangenziale Est Esterna, si cerca il colpevole
Due uomini travolti e uccisi sulla Tangenziale Est Esterna, si cerca il colpevole
Covid Lombardia, il bollettino del 14 giugno: oggi 6.204 casi e 15 morti
Covid Lombardia, il bollettino del 14 giugno: oggi 6.204 casi e 15 morti
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni