(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Era scesa dal treno per prendere delle caramelle al figlio di tre anni: appena arrivata nel negozio, il convoglio è però ripartito e il bambino è rimasto a bordo da solo. Fortunatamente è stato ritrovato dagli agenti della Polizia ferroviaria che lo hanno riaffidato alla donna. L'episodio si è verificato nella giornata di ieri, venerdì 9 aprile, tra Brescia e Bergamo.

La sosta di trenta minuti alla stazione

La donna, residente a Brescia, era a bordo di un treno diretto a Bergamo quando a un certo punto il mezzo si è fermato alla stazione di Palazzolo per circa trenta minuti. Una sosta fuori programma, ma resa necessaria per consentire agli operatori sanitari del 118 di soccorrere un uomo che era stato appena colto da un malore. Durante l'intervento dei medici, il bambino di tre anni ha iniziato ad agitarsi e a piangere e per calmarlo la 21enne ha pensato di andare a comprargli delle caramelle. La donna ha così approfittato dell'attesa ed è scesa, lasciando il piccolo da solo, per andare in negozio. La ragazza ha portato con sé solo l'altra figlia di appena un anno.

Il capotreno ha ritrovato il piccolo e lo ha affidato alla Polfer

Mentre era in fila al bar, la 21enne ha visto il treno ripartire. La ragazza è riuscita comunque ad allertare immediatamente le forze dell'ordine: i carabinieri hanno chiamato la Polfer che ha, a sua volta, avvisato il capotreno. Appena è stato trovato, il capotreno lo ha fatto scendere alla stazione di Bergamo e affidato agli agenti. La madre e la sorellina hanno preso un altro treno e sono scese poi alla stazione nella quale si trovava il piccolo riuscendo così a riunirsi.