L'ex governatore della Lombardia, nonché attuale candidato sindaco per la città di Varese, Roberto Maroni, è tornato a casa dopo il malore e l'intervento chirurgico a cui è stato sottoposto all'Istituto Besta di Milano. Con un breve tweet, l'ex segretario federale della Lega Nord ha gioito per le dimissioni: "Finalmente sono tornato", ha scritto, aggiungendo i ringraziamenti al prof. Paolo Ferroli e il prof. Francesco Acerbi del Besta "che si è rivelata davvero un'eccellenza straordinaria". L'ex governatore ha poi chiosato il suo post scrivendo un entusiastico "mai mulà!", che in dialetto lombardo significa "mai mollare".

Il malore e il ricovero in ospedale prima dell'intervento

Maroni aveva accusato un malore lo scorso 4 gennaio in casa sua, a Lozza, nel Varesotto, a seguito del quale era stato ricoverato d'urgenza in ospedale. Le sue condizioni, da subito, non erano apparse quali preoccupanti, ma i dottori avevano deciso di trattenerlo in osservazione per effettuare ulteriori approfondimenti clinici. Poi, dopo un trasferimento, è stato operato nella giornata di venerdì 8 gennaio al Besta di Milano. L'intervento chirurgico era perfettamente riuscito, nonostante la famiglia non abbia voluto rilasciare dichiarazioni ai media. Ieri il rientro a casa anche grazie al buon andamento delle sue condizioni dopo l'operazione. Puntuali gli auguri di pronta guarigione arrivati dal mondo della politica. Su tutti, l'attuale segretario federale della Lega, Matteo Salvini, gli ha riservato parole di vicinanza con le quali affermava di star seguendo da lontano l'evolversi della situazione per assicurarsi che tutto andasse bene. Cosa che effettivamente è stata.