393 CONDIVISIONI
12 Giugno 2022
16:44

Rissa di via Bolla, Beppe Sala: “Il Comune lavora bene sulle case popolari, la Regione no”

“Molti dei problemi nelle case popolari nascono dall’abusivismo. Nelle case del Comune (quelle MM) abbiamo fatto un discreto lavoro. Non è stato così invece per le case della Regione (Aler)”. Lo ha scritto Beppe Sala su Instagram a seguito delle polemiche per la maxi rissa in via Bolla.
A cura di Filippo M. Capra
393 CONDIVISIONI

Dopo aver ricevuto critiche e inviti a migliorare la situazione a seguito della maxi rissa avvenuta lo scorso venerdì sera in via Bolla ai piedi delle case popolari gestite dall'Aler, il sindaco di Milano Beppe Sala ha commentato l'accaduto segnalando alcuni dati relativi alla gestione delle abitazioni e i problemi che ne derivano.

Sala: Rissa in via Bolla, il Comune lavora per le popolari. Regione no

Con un post su Instagram, il primo cittadino ha scritto che "molti dei problemi nelle case popolari nascono dall’abusivismo. Il mio precedente mandato è iniziato 2016 e i dati dicono come abbiamo lavorato in questi anni: nelle case del Comune (quelle MM) abbiamo onestamente fatto un discreto lavoro. Non è stato così invece per le case della Regione (Aler)". Sala ha poi tenuto a precisare che "nelle case Aler di via Bolla si arriva al 35 per cento di abusivismo". Il sindaco ha poi evidenziato che "i problemi sono anche altri" perché "non c’è solo l’abusivismo".

Il sindaco di Milano: Dobbiamo cambiare il modello di gestione

"Il dieci per cento dei milanesi – ha preso ad esempio Sala – vive in abitazioni di edilizia pubblica. Proviamo quindi ad andare al di là delle colpe degli uni e degli altri". Per il sindaco "dobbiamo cambiare strutturalmente il modello di gestione e continuo a pensare che un’unica organizzazione per la gestione di tutte le case sarebbe la cosa migliore".

 

Il primo cittadino ha quindi ribadito che rinnoverà "l’invito a Regione Lombardia per ricercare una soluzione che vada in quella direzione".

393 CONDIVISIONI
Milano è l’unica città che si crede europea ma aumenta il prezzo dei mezzi pubblici
Milano è l’unica città che si crede europea ma aumenta il prezzo dei mezzi pubblici
Vive in strada con il compagno malato:
Vive in strada con il compagno malato: "Il Comune non mi dà una casa, forse perché sono trans?"
273.206 di Chiara Daffini
Incatenati contro la crisi climatica, 5 fogli di via: “Sono di Torino, non posso tornare a casa mia”
Incatenati contro la crisi climatica, 5 fogli di via: “Sono di Torino, non posso tornare a casa mia”
902.878 di Gianluca Orru
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni