(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Lo hanno accerchiato in branco, e mentre gli altri stavano a guardare due ragazzini lo hanno aggredito per cercare di rapinarlo dello smartphone, dei soldi ma anche di alcuni capi di abbigliamento firmati. La vittima dell'aggressione, avvenuta nel centro di Pavia, è un ragazzino di soli 13 anni. L'episodio, segnalato dalla questura del capoluogo di provincia, è avvenuto nel primo pomeriggio dello scorso venerdì 5 febbraio. L'adolescente stava percorrendo corso Strada Nuova, una via centrale poco distante dal famoso Ponte Coperto sul Ticino, quando all’incrocio col vicolo Longobardi è stato accerchiato dal branco, composto da ragazzini poco più grandi di lui che la vittima non conosceva.

Il ragazzino è stato salvato dall'intervento di un passante

Mentre altri ragazzini si limitavano ad assistere alla scena, due hanno iniziato a strattonarlo e aggredirlo per cercare di strappargli lo smartphone, il portafoglio ma anche alcuni vestiti firmati. La giovane vittima ha cercato di divincolarsi, ma provvidenziale si è rivelato l'intervento di un passante che è accorso in sua difesa, consentendo al ragazzino di sottrarsi alla presa dei due aggressori e mettendo in fuga il branco. Sul posto è poi stato richiesto l'intervento di una volante della polizia: ascoltate le descrizioni fornite dalla vittima, gli agenti hanno iniziato a cercare i responsabili dell'aggressione individuandoli poco dopo, sempre nella stessa zona. I due presunti aggressori sono due ragazzini di 15 e 16 anni: erano senza documenti e sono quindi stati portati in questura per l'identificazione. Nei loro confronti è poi scattata una denuncia alla Procura del Tribunale dei minori di Milano con l'accusa di tentata rapina.