Tutto si aspettava tranne che una giornata di festa si concludesse con una serata di sangue. Un tifoso dell'Inter, giunto a Milano per festeggiare lo scudetto dei nerazzurri fuori dallo stadio San Siro, in occasione del match casalingo tra gli uomini di Antonio Conte e la Sampdoria, è stato aggredito da una prostituta dopo aver perso il treno di ritorno verso Torino, dove abita.

Cliente accoltellato da una prostituta

Secondo quanto ricostruito, il giovane, un ragazzo 20enne di origini senegalesi, è stato tra i partecipanti dei festeggiamenti nerazzurri. Purtroppo, però, avrebbe perso il treno per tornare a Torino, motivo per cui – come riferito da lui stesso alle forze dell'ordine – ha preso appuntamento con una prostituta in un'app di incontri. La donna gli ha dato disponibilità per una prestazione in un appartamento di via Maiocchi. Così, raggiunta l'abitazione, il 20enne si è presentato dalla professionista che gli ha chiesto però di attendere qualche minuto. Spazientito, allora, dopo qualche minuto il 20enne si sarebbe adirato, lamentandosi dell'attesa. Il comportamento del potenziale cliente ha però indispettito la prostituta, che si è messa a rispondere a tono. La lite ha poi deflagrato: la donna ha impugnato un coltello da cucina e l'ha colpito, poi si è data alla fuga. Il 20enne, quindi, è riuscito a raggiungere la strada dove un uomo, verso la 1.20 del mattino, l'ha soccorso, allertando il 118 e le forze dell'ordine.

I poliziotti sulle tracce della donna

Giunti sul posto, gli operatori sanitari hanno medicato il senegalese e portato di corsa al pronto soccorso dell'ospedale Niguarda dove i medici hanno ritenuta necessaria un'operazione d'urgenza. Durante l'aggressione, infatti, il giovane ha rimediato una parziale eviscerazione e una microperforazione intestinale, poi ridotta grazie all'intervento. Al momento, non sarebbe in pericolo di vita ma la sua prognosi resta riservata. Ai poliziotti che sono intervenuti, ha raccontato la storia, spiegando dell'incontro con la prostituta e l'accoltellamento. Gli agenti, quindi, sono andati nell'appartamento di via Maiocchi ma della donna non vi era già più traccia.