Foto di repertorio
in foto: Foto di repertorio

Hanno aggredito senza motivo con calci, pugni e insulti due dipendenti Atm, un tranviere e un addetto di controllo dell'esercizio esterno, e poi sono fuggiti. È successo la sera del 30 settembre in piazza 24 maggio a Milano. Autore della violenza sarebbe un gruppo di persone che non sono ancora state identificate dalle forze dell'ordine. A denunciare l'accaduto è Riccardo De Corato, assessore regionale alla Sicurezza che ha precisato: "Gli aggressori erano persone visibilmente alterate e che, senza alcun motivo scatenante, hanno riversato la loro violenza addosso ai due dipendenti dell’azienda".

Uno dei due dipendenti Atm è finito in ospedale per una contusione facciale

Secondo una prima ricostruzione dei fatti, il tranviere, insieme al controllore, erano fermi in piazza. Qui il controllore sarebbe stato preso a calci e pugni tanto da finire in ospedale con una contusione facciale. Soccorso dal 112 anche il tranviere, finito insieme al collega nel mirino del gruppo. Sul posto sono intervenuti, oltre ai paramedici, i carabinieri e gli addetti alla sicurezza Atm. "È ora di dire basta a questa situazione – ha aggiunto De Corato in una nota -. Autisti, controllori e, più in generale, tutto il personale dell’Azienda rischiano ogni giorno di diventare bersagli della violenza di delinquenti e sbandati. Questo è almeno il sesto episodio in tre mesi e mezzo".

De Corato: Più controlli dei vigili del Comune di Milano

L'assessore poi chiede più controlli anche da parte dei vigili del Nucleo tutela trasporto pubblico e invita il Comune di Milano a "incrementare il numero degli agenti di questo nucleo, che ad oggi conta circa dieci unità. Questo aumento è necessario a tutela della sicurezza sia dei lavoratori dell’azienda, sia dei passeggeri".