Ben 74, è questo il numero degli incidenti con monopattino registrati a Milano e provincia negli ultimi due mesi. I dati sono stati forniti da Areu, l'Azienda regionale emergenza urgenza di regione Lombardia, che ha risposto a una richiesta dell'assessore lombardo alla Sicurezza Riccardo De Corato che oggi li ha resi noti.

Assessore alla Sicurezza De Corato: Sono numeri che mettono i brividi

Nello specifico il periodo di riferimento è quello che va dal 5 giugno a oggi: "A Milano dal 5 giugno ad oggi, l'Azienda regionale per l'emergenza e urgenza (Areu) ha registrato ben 74 interventi per incidenti stradali riguardanti i monopattini elettrici. Sono numeri che mettono i brividi e dovrebbero far riflettere – il commento dell'assessore De Corato – quasi tutti gli incidenti nella nostra regione si concentrano su Milano. Con ogni probabilità, a favorire l'incidentalità sono il gran flusso di traffico e, in molti casi, le strade sconnesse".

Serve intervento legislativo subito prima che si arrivi a qualche decesso

"Le immagini dello schianto registrate dalla dash cam di un taxi – ha aggiunto l'assessore – e diffuse sul web oggi sono impressionanti. Il ragazzo travolto dall'auto si è salvato per miracolo ed è ormai acclarato che l'utilizzo del monopattino elettrico senza le dovute protezioni è molto pericoloso". De Corato ha spiegato in una nota che presenterà in Giunta una proposta di legge parlamentare per modificare il Codice della Strada: "È necessario regolamentare con misure più stringenti l'utilizzo dei monopattini, sia a tutela di chi li guida, sia di pedoni e automobilisti – ha concluso – è bene mettersi subito al lavoro per le opportune modifiche legislative, prima che si arrivi a registrare qualche decesso".

Due gli incidenti più gravi: due donne in terapia intensiva

Tra gli incidenti più gravi registrati negli ultimi due mesi ci sono quello di Lainate, nel milanese, dove lo scorso 25 giugno due quindicenni su un monopattino finirono contro un'auto e una fu ricoverata in rianimazione, e quello di via Brega a Milano dove il 17 luglio una donna di 31 anni è finita in terapia intensiva all'ospedale Niguarda di Milano dopo che aver sbattuto contro la fiancata di un furgone a causa di una mancata precedenza.