È iniziato lo sciopero generale dei trasporti anche a Milano in una giornata di pioggia e nebbia che potrebbe portare a conseguenze ancora peggiori per la mobilità della città indetto dal sindacato di base CUB.

Dipendenti Atm in agitazione dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino a fine servizio

Atm, con una nota pubblicata su Twitter, ha fatto sapere che le metropolitane saranno garantite fino alle 18, mentre i mezzi di superficie potrebbero creare maggiori problemi alla circolazione e al traffico di passeggeri che non potranno nemmeno usufruire del bel tempo per utilizzare mezzi alternativi come biciclette e monopattini per spostarsi. Nello sciopero generale saranno coinvolti anche gli aerei (dalle 00.01 alle 24), i treni (dalle 21 di giovedì 22 alle 21 di venerdì 23), e tutto il trasporto pubblico. Per quanto riguarda Atm, il personale è in agitazione dalle 8.45 alle 15 e dalle 18 fino a fine servizio. Lo sciopero è stato indetto per rivendicare " investimenti pubblici e questione ecologica, orario di lavoro, sicurezza, lavoro nero, smartworking e precarietà. Nel rispetto delle disposizioni in materia di informazione all’utenza.

Disattivata Area B, la ztl più grande d'Europa

A venire in soccorso dei lavoratori milanesi e lombardi la decisione del Comune di Milano di sospendere nuovamente Area B, la ztl più grande d'Europa. L'annuncio è arrivato dalla pagina Facebook dell'assessore alla Mobilità Marco Granelli dopo un primo annuncio del giorno precedente del sindaco Beppe Sala. Con lo spegnimento delle telecamere a partire da oggi, venerdì 23 ottobre, i cittadini potranno supplire alla mancanza di mezzi del trasposto pubblico utilizzando le proprie auto nonostante queste possano essere datate e particolarmente inquinanti. Comunque, per le 23, in virtù del coprifuoco in vigore fino al prossimo 13 novembre, tutti dovranno essere a casa.