(Immagine di repertorio)
in foto: (Immagine di repertorio)

Di sicuro non si sono voltati dall'altra parte, anzi. Proprio grazie alle loro azioni, cinque ragazzi tra i 20 e i 30 anni hanno consentito ieri alla polizia di arrestare un altro giovane, un 20enne, responsabile della rapina a un anziano. La vicenda, riportata dalla testata "Milanotoday", è avvenuta ieri, giovedì 16 luglio, in via Sapri, vicino al Cimitero maggiore di Milano. Attorno alle 17.30 i cinque hanno sentito un anziano chiedere aiuto e subito dopo hanno visto un ragazzo che correva verso un autobus della linea 40. In pochi attimi, intuendo cosa fosse accaduto, si sono messi a correre anche loro e si sono messi davanti al bus su cui era salito il fuggitivo, impedendo al mezzo di ripartire. Poi hanno chiesto al conducente di aprire le porte dell'autobus e sono saliti, bloccando il giovane e tenendolo fermo fino all'arrivo della polizia.

Il 20enne è stato arrestato per rapina aggravata

L'intervento degli agenti ha permesso di ricostruire con precisione tutta la vicenda e di ripristinare la tranquillità dopo il trambusto. Il 20enne inseguito dai cinque giovani aveva effettivamente commesso un reato: si era avvicinato a un anziano di 82 anni, mettendosi alle sue spalle, e lo aveva poi rapinato di una catenina d'oro che indossava al collo. Quindi erano seguite le urla della vittima e la tentata fuga del giovane rapinatore, che è però stato bloccato dai suoi quasi coetanei. Una volta accertati i fatti i poliziotti hanno fatto scattare le manette ai polsi del 20enne, che dovrà adesso rispondere di rapina aggravata. Ai cinque giovani che sono intervenuti è andato sicuramente il plauso dell'anziano rapinato, che in questa maniera ha potuto recuperare subito la sua collanina.