Maturità 2019 al Manzoni di Milano
in foto: Maturità 2019 al Manzoni di Milano

Nel prossimo anno scolastico a causa del distanziamento ci saranno meno posti. Per questo il liceo Manzoni di Milano ha deciso di cambiare i criteri per l'ammissione. Media del 10 o del 9 in italiano, matematica e inglese. Precedenza ai residenti del centro. Una decisione che ha scatenato le proteste degli studenti, che denunciano: "Inammissibile per una scuola pubblica, che dovrebbe essere accessibile a tutti e a tutte".

La novità destinata a far discutere è stata introdotta dal Manzoni, una delle superiori più blasonate in città, per rispondere alle nuove esigenze imposte dalle norme anti coronavirus. Infatti per il prossimo anno l'istituto prevede di poter formare solo otto prime. Senza contare che gli altri studenti, in particolare quelli che si trovano in prima quest'anno, hanno bisogno di "riorientamento". Di conseguenza "il Liceo Manzoni – si legge nella premessa ai criteri di ammissione approvati dal Consiglio d'istituto con 15 voti a favore e 4 contrari – ha deciso di sospendere la sua tradizionale apertura a tutti gli studenti" integrando al criterio territoriale quello "meritocratico".

Quindi sarà data precedenza "agli studenti che in seconda media avranno ottenuto una media del 10 o del 9 in italiano, matematica e inglese". Per quello che riguarda invece il criterio territoriale sarà data precedenza a chi vive in zona 1 (il centro), quella in cui si trova la scuola, e poi a seguire nelle altre.

Contro questa decisione questa mattina hanno protestato gli studenti del collettivo, nell‘ultimo giorno di scuola in presenza in Lombardia, cin un picchetto informativo e di protesta all'entrata del Liceo. "Troviamo inammissibile – hanno spiegato – che una scuola pubblica, che dovrebbe essere accessibile a tutti e a tutte, ponga così spudoratamente un limite alle iscrizioni. Non vogliamo una scuola elitaria".