La Asst di Mantova ha disposto accertamenti dopo la morte di un chirurgo di 64 anni, collaboratore all'ospedale di Pieve di Coriano, che negli scorsi giorni si era sottoposto al vaccino anti-covid. "Il professionista – si legge nella nota diffusa dalla stessa azienda sanitaria-, che purtroppo soffriva di patologie croniche, si era sottoposto, anche a tutela delle proprie condizioni di salute, alla vaccinazione anti-Covid".

Medico morto a Mantova pochi giorni dopo il vaccino: disposta autopsia

È fissata per venerdì mattina l'autopsia che servirà per fare luce del decesso. L'Asst spiega infatti che "pur in presenza di una situazione estremamente indicativa di un evento improvviso legato a condizioni preesistenti" saranno comunque avviati approfondimenti "al fine di chiarire anche ogni più piccolo dubbio".

Il chirurgo soffriva di malattie croniche pregresse

"Si è disposto di attivare tutti gli accertamenti necessari per confermare l'assenza di qualsiasi nesso tra la vaccinazione e il triste evento occorso – spiega la direzione dell'Asst -. È stata pertanto disposta l'autopsia che verrà eseguita probabilmente domani mattina". Asst inoltre ha subito dato comunicazione di quanto accaduto "sia agli organismi di governo regionali che alle autorità di regolazione tecnico-scientifica con le quali sarà avviata ogni necessaria collaborazione al fine di perseguire lo scopo sopra riportato".

Caso sospetto a Genova: nessun nesso tra emorragia e vaccino

Una decina di giorni fa un caso analogo si era verificato in una Rsa di Genova. Una donna di 89 anni, ospite della struttura, è morta per emorragia cerebrale dopo essere stata sottoposta alla vaccinazione anti-covid. In quel caso le indagini del medico legale non hanno rilevato nessi causali diretti tra emorragia e vaccino.