3.791 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio di Giulia Tramontano

L’ultimo messaggio di Giulia Tramontano alla madre lo ha scritto il suo assassino, Alessandro Impagnatiello

“Non ti preoccupare madre ora vado a riposare”: è questo l’ultimo messaggio che è stato inviato dal cellulare di Giulia Tramontano alla mamma. La 29enne è stata uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello.
A cura di Ilaria Quattrone
3.791 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

"Non ti preoccupare madre ora vado a riposare": è questo l'ultimo messaggio che è stato inviato dal cellulare di Giulia Tramontano alla mamma prima che la 29enne sparisse nel nulla. Per gli inquirenti di Milano, però, quel messaggio potrebbe averlo scritto il fidanzato Alessandro Impagnatiello che si trova in carcere a San Vittore con l'accusa di averla uccisa sabato 27 maggio. 

La confessione di Alessandro Impagnatiello

L'uomo infatti ha confessato di aver ucciso la fidanzata con alcune coltellate, di aver provato a bruciare il corpo – senza però riuscirci – e di averlo poi nascosto in un lembo di terra in via Monte Rosa a Senago (Milano). Per farlo avrebbe nascosto il cadavere in un sacco di plastica, lo avrebbe caricato sulla sua automobile per poi abbandonarlo.

Immagine

Secondo le ultime indiscrezioni, il trentenne sarebbe crollato non appena ha visto i carabinieri dei Ris sulle scale del suo appartamento: i militari infatti hanno svolto i rilievi trovando tracce sia in casa che sull'automobile dell'uomo. A quel punto il trentenne avrebbe rivelato tutto.

Il movente

Il movente sarebbe legato alla scoperta che Giulia aveva fatto proprio sabato: la ragazza aveva infatti saputo di un tradimento da parte del compagno. Aveva incontrato anche l'altra ragazza, che sarebbe stata anche lei incinta e avrebbe abortito, per poi rientrare a casa. Lì, la coppia avrebbe litigato e il ragazzo l'avrebbe uccisa. Domenica la madre, non sentendola al telefono, si è allarmata e il fidanzato avrebbe presentato denuncia.

Immagine

Il suo racconto però aveva alcune incongruenze che non hanno convinto gli inquirenti e infatti qualche giorno dopo è arrivata la confessione.

3.791 CONDIVISIONI
252 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views