642 CONDIVISIONI
video suggerito
video suggerito
Omicidio di Giulia Tramontano

Dove è stato trovato il cadavere di Giulia Tramontano, uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello

Il corpo di Giulia Tramontano, la ragazza di 29 anni incinta al settimo mese e uccisa dal compagno Alessandro Impagnatiello, è stato trovato in un’intercapedine dietro a un edificio di via Monte Rosa a Senago (Milano) dove ci sono alcuni box. È stato lui a indicare dove trovarlo.
A cura di Ilaria Quattrone
642 CONDIVISIONI
Immagine
Attiva le notifiche per ricevere gli aggiornamenti su

È stato trovato il corpo di Giulia Tramontano, la 29enne di cui non si avevano più notizie da giorni e che era scomparsa tra sabato e domenica da Senago (Milano): a dare indicazioni su dove potesse essere è stato il suo compagno Alessandro Impagnatiello, che ha confessato l'omicidio della ragazza. L'uomo è stato interrogato dai magistrati e ha raccontato dove aveva nascosto il cadavere della donna.

Immagine

Dove è stato ritrovato il corpo di Giulia Tramontano, incinta di sette mesi

Il corpo è stato ritrovato all'una di giovedì notte: era in via Monte Rosa, nascosto in una intercapedine dietro a un edificio che ospita alcuni box. Sembrerebbe che il trentenne, dopo aver ucciso la compagnia, abbia trasportato il cadavere fino al luogo in cui è stato ritrovato con la sua automobile: sul mezzo, infatti, sono state trovate diverse tracce biologiche con i luminol.

Le accuse nei confronti di Alessandro Impagnatiello

L'uomo adesso è accusato di omicidio volontario aggravato, occultamento di cadavere e interruzione della gravidanza senza il consenso della donna. Sembrerebbe che il movente sia riconducibile alla scoperta della ragazza di un tradimento da parte dell'uomo: i due avrebbero infatti litigato e lui l'avrebbe uccisa.

L'omicidio quindi potrebbe essere collocato nella notte tra sabato e domenica. Sabato sera la donna aveva scritto un messaggio a un'amica e alla madre dicendo di essere molto turbata. Domenica mattina, la madre si è preoccupata proprio perché non aveva più notizie della figlia. È stato poi il trentenne a denunciarne la scomparsa sostenendo che, quando domenica era rientrato a casa dal lavoro, non l'aveva più vista e che era scappata con il passaporto e il bancomat.

Nonostante queste parole, gli inquirenti hanno proseguito con le indagini fino a quando non si è arrivati alla sua confessione.

642 CONDIVISIONI
252 contenuti su questa storia
autopromo immagine
Più che un giornale
Il media che racconta il tempo in cui viviamo con occhi moderni
api url views