Continua il lento miglioramento della situazione epidemiologica della Lombardia, prima regione italiana a fare i conti col Coronavirus e quella che, lo ricordiamo, ha pagato in termini di vittime il tributo più pesante: sono 33.271 finora i morti a causa del Covid-19, stando ai dati ufficiali. Da settimane però la situazione in Lombardia (come in buona parte del Paese) mostra una tendenza confortante e anche gli ultimi dati, che anticipano ciò che verrà ufficializzato nel monitoraggio dell'Istituto superiore di sanità in programma domani, venerdì 14 maggio, lo confermano.

Dati da zona gialla: in calo l'indice Rt e l'incidenza

Iniziamo col dire che sono dati da zona gialla: in questa settimana c'era il timore (fondato, anche se remoto), che i due aumenti consecutivi dell'indice di contagio Rt calcolato sui casi sintomatici, associati a una situazione ospedaliera nelle terapie intensive che continua a essere critica, potessero far scivolare la regione in zona arancione. Così non sarà: l'indice Rt, stando a un'elaborazione sui dati comunicati dalla Regione Lombardia all'Iss, è nuovamente tornato a calare arrivando a 0,87 (intervallo 0,85-0,89), allontanandosi così dalla soglia di allerta, pari a 1.

Ma anche l'incidenza settimanale di nuovi casi positivi su 100mila abitanti, parametro che sopra 250 determina quasi automaticamente la zona rossa, è in netto calo. Stando ai dati comunicati dall'Agenzia di tutela della salute dell'Insubria, nella settimana dal 6 al 12 maggio l'incidenza è arrivata a 92,9 contro il valore di 114 registrato nell'ultimo report dell'Iss. In calo anche il numero di positivi (da 12.712 a 9.389) e la percentuale di tamponi positivi sul totale effettuato (dal 9,3 per cento all'8,2 per cento). Questi dati, uniti al continuo calo dei pazienti Covid ricoverati in terapia intensiva e nei reparti di area medica e al buon andamento della campagna vaccinale in Lombardia (evidenziato anche da un report della Fondazione Gimbe), fanno ben sperare anche per un futuro più lontano. Ma intanto, per quello più prossimo legato al monitoraggio di domani, infondono quasi una certezza: la Lombardia è destinata a rimanere in zona gialla per la quarta settimana consecutiva.