Aveva organizzato una festa abusiva in casa e, all'arrivo dei carabinieri,  i suoi ospiti si sono nascosti dentro un armadio, sul balcone e nella doccia: è successo a Leno, in provincia di Brescia, dove quattro persone sono state sanzionate perché in violazione delle disposizioni previste in materia di Covid.

La segnalazione dei vicini di casa

Alle 23 di ieri sera, mercoledì 10 febbraio, i militari della stazione di Leno hanno ricevuto una segnalazione da parte di alcuni vicini che lamentavano schiamazzi dovuti alla musica troppo alta. Arrivati sul posto, i carabinieri hanno chiesto alla proprietaria di casa di aprire la porta: dopo diversi minuti, la donna ha provveduto a farli entrare. Alla richiesta di spiegazioni sul perché ci fosse la musica ad alto volume e chiedendo se fosse sola in casa o avesse organizzato una festa, la 30enne ha affermato di non avere ospiti e di aver semplicemente lo stereo acceso.

Gli invitati nascosti nella doccia, nell'armadio e sul balcone

Nonostante le sue giustificazioni, i militari hanno comunque controllato l'abitazione e hanno trovato alcuni ospiti nascosti nella doccia, nell'armadio e sul balcone: in totale erano quattro persone, tre uomini e una donna. Tutti sono stati multati e dovranno pagare quattrocento euro di sanzione. Tra le violazioni contestate c'è quella di essersi spostati oltre il coprifuoco nazionale previsto dalle 22 di sera alle 5 del mattino e l'essere stati in un'abitazione privata oltre i limiti delle due persone come previsto dalla normativa vigente.

A Milano scoperte altre due feste abusive lo scorso weekend

Quella di Brescia non è l'unica festa scoperta in questa settimana. A Milano lo scorso weekend ne sono state scoperte due: uno in zona Arco della Pace dove sono state multate 17 persone, tutte tra i venti e i 35 anni, e un'altra in zona Gambara in via Moncalvo dove sono state trovate 25 persone. Tutti dovranno pagare quattrocento euro di sanzioni.