L'avviso pubblicato sulla pagina Facebook del Comune di Capriate San Gervasio, in provincia di Bergamo, parla chiaro: non recatevi in Municipio. Il motivo è un focolaio di Coronavirus scoppiato proprio nella sede dell'amministrazione comunale, e che stando a quanto riporta la testata locale "L'Eco di Bergamo" coinvolgerebbe sette dipendenti comunali. "L’Amministrazione Comunale invita tutti cittadini a non recarsi in Comune in quanto sfortunatamente un numero significativo di dipendenti comunali è stato colpito dal COVID-19", recita l'avviso pubblicato nella mattinata di oggi, giovedì 29 aprile sui social dall'amministrazione. "A tal proposito, si sono dovuti azionare i protocolli di sicurezza, sospendendo tutte le attività di gestione e apertura al pubblico in presenza. Attualmente tranne l’anagrafe, quasi tutti gli altri uffici sono chiusi al pubblico. Ci scusiamo per il disservizio, ma di fronte a questa delicata situazione abbiamo dovuto applicare tutte le disposizioni previste dalla legge. Speriamo che il complicato momento si risolva nel più breve tempo possibile augurando, ed è questa la cosa più importante, una pronta guarigione ai dipendenti colpiti".

A Edolo un altro focolaio

Nonostante la Bergamasca sia stata meno colpita dalla terza ondata del Coronavirus (o dalla coda della seconda, come qualcuno l'ha definita), quanto accaduto nel Municipio di Capriate San Gervasio testimonia come il Covid-19 sia un nemico ancora molto presente e temibile. Un'ulteriore riprova la si è avuta a Edolo, nel Bresciano, dove dopo una festa di compleanno organizzata nella casa di un bimbo della scuola d'infanzia si è sviluppato un focolaio che in pochi giorni è passato da una trentina a oltre cento positivi, sette dei quali, secondo l'ultimo aggiornamento di ieri, sono in cura in ospedale.